Taranto leader nella formazione in campo enogastronomico

Sabato 2 Ottobre 2021 di Paola CASELLA
La conferenza stampa di ieri mattina

La città di Taranto si prepara a formare esperti di alto profilo nella promozione enogastronomica con un titolo immediatamente spendibile nel mercato del lavoro. È stato presentato, infatti, ieri mattina nel Salone degli Specchi di Palazzo di Città, il percorso biennale di alta specializzazione “Digital food and wine management”, organizzato dall’Its Turismo Puglia e finanziato da Regione Puglia e Ministero dell’Istruzione.

La presentazione

È questa una delle opportunità offerte dal polo formativo d’eccellenza che sta sorgendo a Taranto grazie alla sinergia qualche tempo in atto tra Amministrazione guidata dal sindaco Rinaldo Melucci e l'Its Turismo Puglia. All’incontro con i giornalisti hanno preso parte l’assessore allo Sviluppo Economico e Turismo del Comune di Taranto Fabrizio Manzulli, il presidente della fondazione Its Turismo Puglia Giuseppina Antonaci e Gianluca Lomastro, founder di “Made in Taranto”. Il corso si pone l’obiettivo di creare i futuri esperti che supporteranno le imprese operanti nella filiera del Food e del Wine. Grazie a questo percorso formativo gli studenti potranno entrare in possesso delle skill tecniche e manageriali, fondamentali per operare con competenza e professionalità nei settori della ristorazione e della ricettività. «Il corso - ha spiegato Gianluca Lomastro - si svolgerà a Taranto. È organizzato dalla Fondazione Its regionale per l’Industria dell’Ospitalità e del Turismo in partenariato con il Comune di Taranto, Made in Taranto, Slow Food Puglia, Go4sea Tour Operator». Al termine del corso di alta formazione, che prevede il superamento dell’esame finale, gli iscritti conseguiranno il diploma di tecnico superiore per la gestione di strutture turistico-ricettive rilasciato dal Ministero dell’Istruzione.

Le dichiarazioni

«In particolare, - ha proseguito Lomastro -, il corso Its “Digital food and wine management” preparerà figure in grado di programmare, gestire, promuovere e commercializzare itinerari di viaggio ed esperienze incentrati sul food and wine rivolti ad un target nazionale e internazionale». Il corso durerà complessivamente 2.000 ore, distribuite su due annualità. Saranno così suddivise: 1.120 ore dedicate alla didattica laboratoriale d’aula, a case studies in laboratorio e/o in contesti lavorativi; attività seminariali; visite didattiche e di studio; project work; 880 ore di attività di stage in contesti lavorativi. La frequenza è obbligatoria per almeno l’80% delle attività formative, pena esclusione dall’esame finale. Quest’ultimo si svolgerà secondo le modalità stabilite dal Ministero dell’Istruzione. «Sono molto felice - ha affermato l'assessore allo Sviluppo economico e Turismo Fabrizio Manzulli - soprattutto per come è andato il corso che abbiamo organizzato lo scorso anno, sempre con l’Its Turismo Puglia, perché il 95% dei partecipanti ha trovato già un’occupazione a tempo indeterminato in realtà turistiche molto importanti. Abbiamo allargato lo spazio concesso, ci sarà una sede di circa 800 mq. Trasformeremo questa sede in un vero e proprio polo di alta formazione turistica perché il prossimo anno i corsi si triplicheranno».

Ultimo aggiornamento: 19:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA