Evasione fiscale, sotto chiave beni e conti per quasi 4 milioni di euro

Mercoledì 11 Novembre 2020

Sotto chiave beni e conti bancari per un totale di tre milioni e 865.000 euro. Il sequestro è stato messo a segno dai militari del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Taranto che hanno eseguito il decreto di sequestro preventivo disposto dal gip Benedetto Ruberto. Il provvedimento è scattato su richiesta del pm Remo Epifano ed è la conseguenza della verifica fiscale condotta dalle Fiamme Gialle tarantine nel gennaio dello scorso anno nella sede di una società agricola di Castellaneta Marina.

L'ispezione "si è conclusa con la constatazione di indebite deduzioni di costi per 5 milioni e 900 mila euro e dell’evasione di Iva per 236 mila euro. E' stato altresì accertato - spiegano dalla Finanza - che la società, al fine di sottrarsi al pagamento delle imposte e rendere inefficace una eventuale procedura di riscossione coattiva, aveva simulato, tramite false dichiarazioni, il trasferimento di propri beni immobili ad altra società di Castellaneta, anch’essa operante nel settore agricolo e riconducibile alla stessa famiglia imprenditoriale". Per i rappresentanti legali delle due società si è proceduto con la denuncia a piede libero per i reati di “dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti”, “sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte” e “falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico”.

 

Ultimo aggiornamento: 15:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA