Detenuto di 48 anni si impicca in carcere: i compagni di cella lanciano l'allarme

L'ingresso del carcere di Taranto
L'ingresso del carcere di Taranto
3 Minuti di Lettura
Sabato 30 Aprile 2022, 14:42 - Ultimo aggiornamento: 18:09

Un detenuto tarantino di 48 anni si è tolto la vita la scorsa notte nel carcere di Taranto, impiccandosi alle sbarre della sua cella. Il suicidio è avvenuto nel bagno della cella mentre i compagni di cella della vittima dormivano. A lanciare l'allarme è stato proprio uno di loro che ha trovato il corpo dell'uomo e ha chiesto l'intervento degli agenti della polizia Penitenziaria. Per l'uomo, però, era già troppo tardi.

Emergenza carceri: a Bari un detenuto dà a fuoco alla cella, a Lecce due poliziotte aggredite

Il suicidio

La vittima ha approfittato delle ore notturne per mettere in atto il suo progetto di togliersi la vita. Il 48enne si è chiuso nel bagno della cella e ha fabbricato un cappio, forse con degli abiti. Poi è riuscito ad impiccarsi alle sbarre della finestra. Nessuno si è accorto di quanto avvenuto sino alle prime ore del mattino. 

Evasione da film, detenuto sostituito dal fratello. Ma il piano fallisce

Il carcere

La notizia della tragedia avvenuta nel corso della notte rilancia per l'ennesima volta l'emergenza nella quale vive il carcere di Taranto. Il pentenziario jonico è il più sovraffollato d'Italia con oltre settecento detenuti rispetto ad una capienza tollerabile di poco inferiore ai 500. Inoltre i sindacati della Polizia Penitenziaria da tempo denunciano la carenza di organico dei baschi blu, costretti a lunghi turni di lavoro per garantire la sorveglianza nei vari padiglioni. 

Latitante da tre mesi fa una videochiamata al padre in carcere: preso il figlio del boss

© RIPRODUZIONE RISERVATA