Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coniglio abbandonato nella spazzatura, lo salva un addetto dell'azienda di igiene urbana

Da sinistra l'operatore Giovanni Rubino con il presidente Giampiero Mancarelli
Da sinistra l'operatore Giovanni Rubino con il presidente Giampiero Mancarelli
3 Minuti di Lettura
Sabato 26 Marzo 2022, 14:04 - Ultimo aggiornamento: 18:31

Hanno abbandonato un coniglio nella spazzatura. Lo hanno lanciato in un cassonetto della Kyma ambiente di Taranto. L'altra notte, al momento della raccolta, è stato Giovanni Rubino, un operatore dell'azienda tarantina di igiene urbana ad accorgersi della presenza dell'animale. Ed è stato lui a bloccare l'azione dell'autocompattatore salvando la vita al coniglio. Questa mattina l'operatore ha ricevuto i complimenti dal presidente della Kyma Ambiente, Giampiero Mancarelli.

Salento, morto un cavallo sul set della fiction: il fantino trasportato in ospedale in codice giallo

Il caso

Il salvataggio è avvenuto la scorsa notte in una zona periferica della città, dove non è ancora stata attivata la raccolta differenziata. La squadra di operatori ecologici stava scaricando il contenuto del cassonetto, quando Rubino si è accorto di qualcosa che si muoveva. Quel sacchetto è stato recuperato ed è saltato fuori il coniglio. L'animale è stato presumibilmente abbandonato da qualcuno che ha pensato di sbarazzarsene condannandolo a morte certa. Invece il coniglio è stato salvato ed è già stato adottato.

Il commento

"Un gesto di grande inciviltà. Inaccettabile e da condanare senza se e senza ma. A questo aggiungo - ha detto il presidente di Kyma Ambiente Giampiero Mancarelli - che il salvataggio dimostra la grande attenzione con la quale i nostri lavoratori operano in città anche in piena notte. Un'attenzione che consente di scongiurare anche conseguenze più gravi. In altre occasioni abbiamo trovato persino estintori scaduti, che in caso di schiacciamento rischiavano di esplodere".

© RIPRODUZIONE RISERVATA