Taranto, la città del sole: la classifica del clima

Lo splendido mare di Taranto
Lo splendido mare di Taranto
di Nicola SAMMALI
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Agosto 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 10:19

Taranto si posiziona al 40° posto della classifica delle città italiane con il clima migliore, secondo l’analisi del Sole 24 Ore, ottenendo 627,8 punti (Imperia, in cima alla graduatoria, ha raggiunto quota 780,6; Bari è in seconda posizione, 777,2, prima tra le pugliesi; Brindisi è sesta, con 723 punti; Lecce è al 52° posto, con 602,8 punti). 
Lo studio, attraverso 10 indicatori che rilevano le performance meteorologiche del decennio 2011-2021, fotografa il benessere climatico dei 107 capoluoghi di provincia.

Il sole

L’indice di “soleggiamento”, quindi le ore di sole al giorno, posiziona Taranto al 20° posto, con 721,3 punti (Brindisi è dodicesima, con 762,3 punti; Bari è quattordicesima, con 745,9 punti; Lecce è ventiduesima, con 700,8 punti), mentre quello del “calore”, ovvero i giorni annui con temperatura percepita maggiore o uguale a 30°C, mette la città al 96° posto, con 199,3 punti (Bari è ventottesima, con 563,9 punti; Brindisi è quarantaseiesima, con 473,6 punti; Lecce è novantatreesima, con 240,1 punti). Gli sforamenti di caldo maggiore o uguale a 30*C per almeno 3 giorni consecutivi nel decennio (alla voce “ondate di calore”), vedono Taranto al 96° posto con 175,3 punti (Brindisi è al quindicesimo posto, con 756 punti; Bari al ventunesimo, con 683,8; Lecce all’84° posto, con 261,2 punti). 

La pioggia

Alla voce “eventi estremi”, che raccoglie i giorni annui con accumulo di pioggia maggiore a 40 millimetri, il capoluogo ionico è inserito alla posizione 85 della classifica, con 617,3 punti (Bari è al nono posto, con 876,5 punti; Brindisi è al 46° posto, con 777,8 punti; Lecce è al 76°, con 654,3punti). La “brezza estiva”, ossia i nodi medi giornalieri di vento nella stagione, è l’indicatore che pone Taranto in ventesima posizione, con 710,7 punti (Brindisi è seconda, con 987,1 punti; Bari è quattordicesima, con 774,7 punti; Lecce è ventiduesima, con 707,6 punti). Due posizioni sopra, al 18° posto, invece, alla voce “Umidità relativa” (giorni annui fuori dal comfort climatico) con 604,3 punti (Bari è dodicesima, con 679 punti; Lecce è quarantatreesima, con 504,6 punti; Brindisi è al 72° posto, con 397,4 punti). Taranto è al 93° posto per “raffiche di vento” (giorni annui con raffiche maggiori di 25 nodi), collezionando 675,2 punti (Lecce è ottantesima, con 765,2 punti; Bari è due posizioni più giù, con 733,7 punti; Brindisi è novantanovesima, con 539,1 punti). 
Nono posto, invece, all’indicatore “piogge” (giorni annui in cui piove con accumuli maggiori di 2 millimetri), con 784,3 punti (Bari è quarta, con 837,8 punti; Brindisi è sedicesima, con 739,8 punti; Lecce è ventisettesima, con 650,6 punti). 

I giorni di “nebbia” collocano la città al 67° posto, con 814,2 punti (Bari è quarantottesima, con 910,5 punti; Brindisi è sessantaseiesima, con 821,1 punti; Lecce è ottantaquattresima, con 563,9 punti). 
L’ultimo indicatore, quello dei “giorni freddi”, vede Taranto alla ventesima posizione, con 976 punti (Lecce è al 17° posto, con 979,5 punti; appena una posizione sotto c’è Brindisi, con 976 punti; Bari è ventitreesima, con 965,8 punti).

La classifica finale dei 107 Comuni capoluogo di provincia è il risultato della media dei punteggi ottenuti dalle diverse città nei 10 indicatori climatici presi in considerazione, validati dal team di meteorologi di 3B meteo. Per ogni parametro è stato calcolato il valore medio giornaliero, annuale o decennale registrato in ciascuna città, a partire dai dati metereologici rilevati per fasce esaorarie sull’arco del periodo 2011-2021. Così per ciascuna graduatoria sono stati attribuiti mille punti alla città con il valore migliore. Il punteggio scende, in funzione della distanza rispetto alla prima classificata, fino allo zero attribuito all’ultima posizione. 
Alcuni indicatori sono considerati positivi (più alto è il valore migliore è la performance della città) altri negativi (più basso è il valore meglio è). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA