Spaccarono i denti ad un disabile, altri due arrestati della banda dei bulli

Spaccarono i denti ad un disabile, altri due arrestati della banda dei bulli
Altri due arresti nella vicenda dei bulli di Manduria. In seguito alle indagini condotte dal pm Epifani e coordinate dal procuratore Capristo, la Polizia ha dato esecuzione nella serata di ieri ad un’ordinanza di applicazione di misure cautelari in carcere emesse dal gip nei confronti di due maggiorenni, già detenuti per ipotesi di tortura, lesioni, danneggiamento e violazione di domicilio aggravati consumati contro il povero Stano, ed ora accusati (in concorso con due soggetti minori) di analoghe scorribande consumate in danno di un'altra persona affetta da insufficienza mentale grave.
Si tratta di un episodio consumato il giorno 1 aprile scorso, allorquando, in ore notturne, attirata questa seconda vittima all’esterno della sua abitazione, per “puro passatempo” la colpivano violentemente con calci e pugni, fino a provocargli l’avulsione dei denti incisivi.
L’episodio, emerso dalla disamina di un ulteriore video rinvenuto nel telefono di uno degli indagati (colui che ha ripreso l’intera scena e che unitamente ad un altro minore è stato destinatario della misura del collocamento in comunità), è stato ricostruito grazie ad accertamenti compiuti dalla Squadra Mobile e dal Servizio Centrale Operativo, che attraverso l’analisi di tabulati prima ed i rilievi (analisi morfologica) più tecnicamente avanzati operati dal Servizio di Polizia Scientifica (sezione indagini elettroniche) poi, hanno consentito di risalire all’identità dei responsabili.
Due di loro lo avevano trascinato giù dai gradini sino al marciapiede facendolo cadere, per poi colpirlo violentemente al volto provocandogli la rottura del dente. Le lesioni riportate dalla vittima sono state successivamente confermate da un medico dentista che ha accertato un’avulsione dentaria e la mobilità di altri tre denti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Giovedì 27 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento: 13:44