Via l'amianto dalle campagne, controlli e multe per chi inquina

Sabato 16 Aprile 2016

Al via, le operazioni di bonifica delle campagne. Con un intervento massiccio, il comune di Sava intende contrastare il triste fenomeno dell'inquinamento rurale. In particolare, è cominciata nei giorni scorsi, la rimozione e lo smaltimento dei rifiuti di amianto abbandonati nelle campagne.
«Si tratta – chiarisce il sindaco Dario Iaia - di un intervento finanziato in parte con fondi regionali 41.000 euro di un bando al quale abbiamo partecipato ed in parte con fondi comunali pari a 19.000 euro. Saranno interessate praticamente tutte le contrade di Sava. Ringrazio l'assessore all'ecologia Mirko Piccolo e tutto l'area ecologia ambiente per l'egregio lavoro svolto». 
Nello stesso tempo però, il primo cittadino invita ad una maggiore collaborazione da parte dei cittadini. «Se notate qualcuno che getta materiale di ogni tipo, vi prego di segnalarlo alle autorità competenti. Noi continuiamo a lavorare per ripulire le campagne, ma è doveroso che questi episodi cessino perché sono assolutamente vergognosi».
 
Tuttavia, è lo stesso Iaia a lamentare purtroppo, l'inciviltà di alcuni, a danno dei tanti. «Ieri, come detto, sono cominciati i lavori di raccolta e di smaltimento dell'amianto presente nelle nostre contrade. Puntualmente, alcuni idioti si sono precipitati, avuta la notizia, a scaricare altro amianto nelle campagne. Purtroppo, in alcune situazione, mi pare che tutto ciò che si fà sia inutile perchè l'ignoranza che ci circonda è così diffusa da farti cadere le braccia. Comunque, raccoglieremo anche quello perchè vogliamo che le nostre campagne siano pulite, in quanto rappresentano una delle nostre ricchezze».
Ad evidenziare l'impegno nel contrastare l'inquinamento rurale, anche l'assessore all'ecologia, Mirko Piccolo. «Sono iniziati i lavori per il recupero, rimozione e smaltimento a discarica autorizzata di manufatti in amianto su aree pubbliche, finanziamento ottenuto dall'Amministrazione Iaia. Siamo stati nella zona di C.da Petrose nei pressi dell'Arneo, una zona altamente inquinata, mentre nei prossimi giorni ci occuperemo nelle altre contrade. È nostro dovere promuovere il rispetto dell'ambiente perchè ritengo che, solo attraverso l'educazione e la sensibilizzazione della gente, si possa far fronte davvero a questo fenomeno così grave».

Infine, sulla necessità di incrementare il controllo nelle campagne, anche per scongiurare il continuo ammasso di rifiuti anche nelle zone ora bonificate, il sindaco Dario Iaia ha in mente una soluzione. «Sì, stiamo pensando di adottare un sistema di telecamere mobili da collocare, a campione e senza preavviso, nelle zone rurali che sono maggiormente interessate da questa problematica. In questa maniera, pensiamo di poter beccare finalmente qualcuno che non ha ancora ben chiaro il concetto di rispetto ambientale ed allo stesso tempo, riteniamo che sia un deterrente per tutti».

«In più – conclude Iaia - a breve, sarà pronta l'isola ecologica ed allora, i cittadini potranno usufruire di questo servizio ulteriore che, spero, significhi una riduzione dell'inquinamento nelle campagne. Ad oggi, il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti ingombranti avviene tramite il ritiro a domicilio. Con l'isola ecologica, si potranno conferire frigoriferi, lavatrici e rifiuti di questo genere ogni giorno, Non penso che allora qualcuno preferirà gettarli nelle campagne, a rischio di essere anche denunciato penalmente».

Ultimo aggiornamento: 19:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA