Riti e Pasqua, occasione per il turismo a Taranto. Ma le aziende non trovano i lavoratori

Riti e Pasqua, occasione per il turismo a Taranto. Ma le aziende non trovano i lavoratori
3 Minuti di Lettura
Sabato 26 Marzo 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 20:43

Sta per arrivare la bella stagione, le temperature cominciano ad alzarsi, tra poco sarà Pasqua che, per Taranto, significa soprattutto Riti della Settimana Santa, con il riflesso dell’appeal turistico che la città può avere in questo periodo. Di conseguenza questo sarà il primo banco di prova con la stagione turistica 2022, e anche quest’anno è ripartita la caccia al personale da impiegare nelle strutture ricettive, nei ristoranti e bar.

Turismo, le previsioni: estate d'oro in Puglia e nel Salento. Stranieri "pazzi" per le spiagge

Il problema

La pandemia ha impoverito di professionalità il mondo del turismo, in particolare i settori che hanno sofferto di più sono quelli della ristorazione e degli alberghi. Da nord a sud del Paese, la ricerca del personale è condivisa e rappresenta uno dei principali problemi della filiera turistico-ricettiva: soprattutto mancano i camerieri, gli aiuto cuoco, gli addetti alla pulizia delle camere. 
«La difficoltà di reclutamento delle risorse umane disposte ad intraprendere un percorso professionale nel comparto del turismo, rappresenta – osserva Tullio Mancino, direttore di Confcommercio Taranto- una vera e propria emergenza a cui la nostra organizzazione intende fornire una risposta efficace mediante una iniziativa di Borsa Lavoro Turismo, finalizzata alla ricerca e selezione di personale da collocare nelle imprese della rete Confcommercio Taranto».

Salento, posti di lavoro nel turismo: job day con 24 aziende. I nomi

L'indagine

Confcommercio ha avviato una prima indagine telefonica sul fabbisogno lavorativo elle imprese associate che ha permesso di definire i profili professionali maggiormente ricercati. E’ emerso che i ruoli più richiesti sono: aiuto cuoco, cameriere/comis di sala, pizzaiolo, barman/barista, lavapiatti (Pubblici Esercizi); personale ai piani, portiere notturno/diurno (Alberghi). La indagine telefonica di Confcommercio ha fatto emergere che vi è posto anche per varie altre figure: addetti alla segreteria nel ricettivo, assistenti bagnanti, addetti al ricevimento, pasticceri. 
«La fase successiva che – spiega il direttore Mancino - ci accingiamo ad attuare, riguarderà il reperimento di candidature facendo rete con gli uffici di collocamento, gli istituti scolastici e le amministrazioni locali. Intanto, nei primi due giorni da che abbiamo divulgato la iniziativa attraverso i nostri canali social abbiamo già raccolto più di 100 candidature di aspiranti lavoratori per i profili ricercati dalle nostre aziende della filiera turistica. Alcune strutture ci hanno inoltre richiesto di organizzare un recruiting day nei loro territori. Completato infine questo lavoro di raccolta organizzeremo un incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA