Perde il controllo della moto e si schianta: muore un 48enne

Domenica 15 Settembre 2019 di Massimiliano MARTUCCI
Un terribile incidente avvenuto intorno alle 18.30 ha portato via la vita di un motociclista di Massafra, oggi, a Martina Franca.
L'uomo, Giuseppe Palanga originario di Massafra, classe 1971, viaggiava sulla sua Honda, in direzione Martina Franca, in compagnia del cugino che lo seguiva su un'altra moto.
A circa cinque km da Martina, all'uscita da una curva è uscito fuori strada, perdendo il controllo del mezzo che gli è finito addosso. Probabilmente, come stanno appurando gli uomini della Polizia Locale di Martina Franca, intervenuti sul posto insieme al personale del 118, l'uomo si sarebbe improvvisamente visto di fronte a delle auto in procinto di svoltare a sinistra in una traversa. È riuscito ad evitarle, finendo però fuori strada, probabilmente a causa dell'alta velocità. Il motociclista è deceduto sul colpo. La sua moto è stata sequestrata su disposizione del pm di turno.

Purtroppo non è la prima volta che su quella strada un motociclista perde la vita. L'incidente più recente è accaduto un anno fa, il primo agosto, quando un quarantaquattrenne martinese ha perso il controllo della moto di grossa cilindrata che guidava, in direzione Massafra, andando a finire contro il muretto di una casa. I soccorsi riuscirono a intervenire quando l'uomo era ancora in vita. A causa dei traumi riportati, però, il motociclista spirò in ospedale.

A giugno di quest'anno, invece, un altro sinistro ha coinvolto due auto, mandando all'ospedale in gravi condizioni i due conducenti. La strada che collega Martina Franca a Massafra è stata troppe volte protagonista di terribili scontri: lunghi tratti rettilinei, scarsamente illuminata e con poche ma pericolose curve, ne fanno lo scenario perfetto per terribili schianti.

Scontro fra auto e moto sulla via del mare: Andrea muore dopo due giorni di agonia

Automobilista investe un pedone e fugge. Poi il frontale con una moto: muore 23enne
  Ultimo aggiornamento: 16 Settembre, 11:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA