Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«No all'Hotspot»: il 28 febbraio presidio dei Cobas a Taranto

«No all'Hotspot»: il 28 febbraio presidio dei Cobas a Taranto
2 Minuti di Lettura
Sabato 20 Febbraio 2016, 14:57
Il prossimo 28 febbraio, in occasione dell'apertura a Taranto di un “hotspot”, centro nazionale per l'identificazione dei profughi, lo Slai Cobas per il sindacato di classe annuncia un presidio al porto contrassegnato dagli slogan “No hotspot, riconoscimento del diritto d'asilo a tutti i migranti, indipendentemente dalla nazionalita”.
I Cobas fanno presente che «i migranti appena sbarcati verrebbero tutti immediatamente identificati, divisi in base solo alla loro nazionalità e la maggioranza verrebbe respinta nei loro paesi d'origine, momentaneamente rinchiusi in strutture tipo Cie, senza dare tempo di presentare domanda di asilo in base alla loro situazione personale, senza garantire l'assistenza. Una cosa indegna e illegale».
La creazione «dell'hotspot a Taranto - concludono - trasformerebbe una situazione di accoglienza, convivenza in una situazione di creazione ad arte, per i soli interessi economico-politici. Occorre ora che i migranti già presenti a Taranto le associazioni, gli antirazzisti, antimperialisti, tutti i democratici di Taranto, i giovani in particolare, si mobilitino per impedire l'aperta dell'hotspot».
Anche il consigliere comunale di Forza Italia Giampaolo Vietri è convinto che l'apertura del centro «renderà Taranto come Lampedusa. Il governo quindi, dopo aver scaricato i costi dell'accoglienza sulle realtà locali, persevera decidendo che le nostre strade debbano essere sempre più invase da disperati da mantenere a carico delle finanze dello Stato».
© RIPRODUZIONE RISERVATA