Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Litiga con figli e nipoti e scappa di casa in bus: paura per una 80enne

Litiga con figli e nipoti e scappa di casa in bus: paura per una 80enne
3 Minuti di Lettura
Venerdì 28 Agosto 2020, 10:42
La nonna è andata su tutte le furie dopo la lite in famiglia. E così, a dispetto delle sue ottanta primavere, ha deciso di averne abbastanza di quella vacanza in riva allo Jonio. In piena notte è balzata prima su un bus e poi su diversi treni, svanendo praticamente nel nulla per 36 ore. Il suo silenzio ha scaraventato nel terrore il figlio e gli altri familiari scatenando le febbrili ricerche della Polizia. Alla fine la fuga dell'anziana ha riservato un lieto fine, con la donna che è stata rintracciata e convinta a rassicurare i familiari. Ma è inutile nascondere che per l'arzilla ottantenne per alcune ore si è temuto davvero il peggio. Giornata a dir poco movimentata per una famiglia di Taranto. La nonna paterna, infatti, dopo un banale litigio familiare si è allontanata facendo perdere le sue tracce e senza dare cenni di vita. A Taranto era giunta alcune settimane prima per trascorrere le vacanze lontana dal caldo di Milano, la città in cui vive.

L'altra mattina, poco dopo le 11 e la lite in famiglia, l'anziana si è allontanata. E poco dopo è stato il figlio a rivolgersi alla Polizia cercando disperatamente aiuto per cercare la madre, visto che non riusciva a contattarla. Immediatamente sono scattate le ricerche, con l'attivazione del protocollo previsto in caso di persone scomparse. Sin da subito gli agenti hanno ipotizzato che la donna avesse preso la via per il Milano. E la conferma è arrivata dai controlli incrociati condotti sui treni e sui bus in partenza da Taranto. Grazie alla meticolosa verifica presso tutte le compagnie di autolinee ed i treni in partenza da Taranto i poliziotti sono riusciti a scoprire che a nome della donna era stato acquistato biglietto di un autobus per Roma con partenza alle 23.05 dal capolinea del Porto Mercantile. Altri riscontri sono arrivati dall'analisi della celle telefoniche che ha permesso di agganciare il cellulare dell'anziana donna in provincia di Terni. Il dato ha confermato che era in viaggio verso la capitale.

Le ricerche si sono così protratte per tutto il giorno impegnando anche gli agenti della Polfer di Roma e delle stazioni ferroviarie lungo la tratta tra la capitale e Milano.
Per fortuna dopo la comprensibile giornata di ansia dei familiari e di ricerche da parte della Polizia, la donna a tarda sera, a circa 36 ore dal suo allontanamento, è stata rintracciata dai poliziotti nella sua abitazione milanese. E a quel punto è stata garbatamente invitata a contattare i familiari per rassicurarli sulle sue condizioni.
© RIPRODUZIONE RISERVATA