Il villaggio dei Giochi su una nave da crociera: il sogno di Taranto

Il villaggio dei Giochi su una nave da crociera: il sogno di Taranto
di Nicola SAMMALI
4 Minuti di Lettura
Martedì 28 Giugno 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 08:19

Un video di cinque minuti racconta dei luoghi e dei simboli di Taranto e della sua provincia, e dei campioni dello sport che hanno fatto grande la storia della Puglia e dell’Italia nelle competizioni internazionali, da Pietro Mennea (primatista mondiale alle Universiadi di Città del Messico nel 1979, con il tempo di 19”72 nei 200 metri piani) a Benedetta “Benny” Pilato (un oro e un argento nei 100 e nei 50 rana ai Mondiali di nuoto di Budapest). La città si presenta a Orano, in Algeria, dove è in corso la XIX edizione dei Giochi del Mediterraneo: qui, agli inizi di luglio, ci sarà il passaggio di testimone, alla presenza del sindaco Rinaldo Melucci, che lancerà Taranto verso il 2026, quando ospiterà la manifestazione sportiva dalla forte impronta sostenibile (il 90 per cento degli impianti è esistente: saranno adeguati, recuperati e migliorati).

La presentazione

Ieri a Casa Italia, punto di riferimento della delegazione tricolore a Orano, c’è stata la presentazione dei Giochi del Mediterraneo di Taranto: hanno partecipato il presidente della Confederazione dei Giochi del Mediterraneo Davide Tizzano, il segretario generale del Comitato Olimpico Carlo Mornati, il direttore generale del comitato organizzatore dei Giochi di Taranto 2026 Elio Sannicandro, e Mattia Giorno (neo assessore ai Lavori pubblici e alla Mobilità sostenibile) in rappresentanza del Comune di Taranto. 
«Abbiamo una grande sfida davanti a noi, finiamo questi Giochi al meglio per iniziare subito a lavorare ai prossimi. Quella di Taranto vuole essere la migliore edizione della storia dei Giochi del Mediterraneo. Da tempo stiamo lavorando in questa direzione, puntando sulla scia di appeal delle Olimpiadi invernali di Milano-Cortina 2026. È una sfida per sistemare gli impianti, ma tutto sarà pronto, siamo ottimisti, la città è entusiasta», ha detto Tizzano. 
C’è entusiasmo anche da parte di Mornati: «È un grande onore ospitare Taranto 2026 nello stesso anno di Milano-Cortina, perché si creerà la possibilità di fare qualcosa di più grande di un semplice evento sportivo. Sarà l’occasione per visitare l’Italia e la Puglia». Secondo Sannicandro «Taranto 2026 è un grande evento sportivo, importante anche dal punto di vista culturale e geopolitico. L’occasione dei Giochi sarà unire lo sport con la storia antichissima di Taranto e la cultura del Mediterraneo e del mare che ci unisce».
La novità potrebbe riguardare proprio il Villaggio Mediterraneo per gli atleti: «Abbiamo due opzioni - ha rivelato Sannicandro -: un’ipotesi è di utilizzare i villaggi turistici, molto belli e accoglienti, a 20-25 chilometri da Taranto. L’altra ipotesi è quella di utilizzare una nave da crociera nel porto, così avremmo gli atleti in piena città e si potrebbero muovere più agevolmente, anche con collegamenti via barca. Siamo ancora in fase decisionale, ci confronteremo con il Comitato Internazionale e con i comitati Olimpici per vedere la soluzione più idonea, suggestiva ma anche più efficace dal punto di vista logistico». 
Di «grande responsabilità» ha parlato anche Giorno, certo che «la città sarà pronta» per accogliere le gare degli atleti di 26 Paesi del Mediterraneo. «Stiamo lavorando alla manifestazione da due anni, con un’idea di futuro sostenibile. Taranto ha un legame speciale con i Giochi Olimpici e i Giochi del Mediterraneo, è parte della nostra storia», afferma Giorno, ricordando la figura di «Ikkos, il più antico atleta olimpico conosciuto nella storia» e la tomba dell’Atleta di Taranto (conservata al MarTa). Infine, Giorno ha annunciato che «il nostro sindaco incontrerà quello di Milano, per costruire una collaborazione tra i Giochi invernali di Milano-Cortina e i Giochi del Mediterraneo 2026». 
L’appuntamento con lo start organizzativo ufficiale sarà a Taranto dall’11 al 14 novembre, con l’avvio dell’Assemblea generale della Confederazione dei Giochi del Mediterraneo (si farà il punto sul cronoprogramma del masterplan).

© RIPRODUZIONE RISERVATA