Ferragosto a Taranto: museo e castello, boom di prenotazioni

Uno dei reperti del museo di Taranto
Uno dei reperti del museo di Taranto
4 Minuti di Lettura
Lunedì 15 Agosto 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 16 Agosto, 12:18

Spiagge, certo. Ma non solo. Oggi è una giornata festiva ma che a Taranto la giornata può diventare all'insegna dei beni culturali. Soprattutto con il meteo incerto e con le temperature che si sono abbassate, negli ultimi giorni la città è diventata meta privilegiata del weekend di Ferragosto. Nell’estate 2022, la prima senza obbligo di limitazioni anti-Covid (ma con le raccomandazioni del distanziamento sempre operative) il capoluogo jonico è stato scelto da un numero crescente di visitatori e turisti. E la conferma di questo dato empirico, che sarà presto suffragato dai numeri, è arrivato dalle visite ai due principali monumenti del centro cittadino: il castello aragonese da un lato e il museo nazionale archeologico dall’altro. 

Il castello aragonese

Anche quest’anno il maniero gestito dalla marina militare si appresta a fare l’en plein di visitatori. Già da giorni si registrano decine e decine di visitatori ogni giorno. E così per questo lungo fine settimana con coda festiva di Ferragosto continueranno - compresa la giornata di oggi - le visite guidate al castello. Solo su prenotazione, ma con ingressi scaglionati su ben 15 turni: uno ogni ora, dalle 9 del mattino all’1 di notte. E allora ecco la decisione di “rinforzare” le guide che accompagnano turisti e tarantini che vogliono scoprire ogni angolo della fortezza. Da ieri è iniziato il pienone. Il bilancio effettivo si potrà fare soltanto domani. Ma ci saranno quattro guide che si alternarneranno per garantire la turnazione nelle varie visite guidate. Oggi si attende un vero e proprio “boom” di persone, confermando il trend che già di registrò nei mesi d’agosto prima della pandemia. 

Il museo archeologico


E nonostante i turni già l’anno scorso si registrò il tutto esaurito a Ferragosto anche al MArTA. Al museo archeologico di Taranto arrivarono turisti italiani e stranieri, ma anche numerosi tarantini decisi a trascorrere la giornata dedicata alle “Feriae Augusti” in città, lontani dalla calca delle spiagge. Un viaggio nel tempo dalla Preistoria fino al Medioevo, passando attraverso le fasi arcaiche, classiche, ellenistiche e romane della città bimare che si potrà effettuare anche quest’anno nella giornata di oggi. «Da alcuni anni constatiamo piacevolmente che il pubblico ama completare le giornate balneari – il commento della direttrice Eva Degl’Innocenti – con le visite al patrimonio culturale, artistico, architettonico, tra cui il MArTA». 
Anche qui si “rinforzano” orari e visite guidate. Orario continuato nonostante la giornata festiva, dalle ore 9 alle ore 19. Previste anche tre visite guidate a cura dello staff del MArTA: alle ore 9, alle ore 11 e alle ore 17.30. Queste sono le uniche per le quali è prevista la prenotazione. Alla collezione permanente, che comprende anche la straordinaria collezione degli “Ori di Taranto” e l’unicum della Tomba dell’atleta, si aggiungono le mostre “Taras e i doni del mare”, l’esposizione di arte contemporanea “L’Età dell’Oro” di Federico Gori e la mostra di disegni dell’archistar Franco Purini. Le mostre temporanee sono incluse nel biglietto di ingresso del Museo. Dalla chiusura del museo in poi, con tre appuntamenti per ciascuna serata c’è anche la possibilità di godersi gli “Ipogei sotto le stelle”: alle 19, alle 20.30 e alle 22 è possibile ammirare gli ipogei che si trovano nell’isola di Taranto con visite guidate. 

Aperture e chiusure


Se sul fronte dei beni culturali l’offerta è varia e vasta, non ci saranno invece aperture straordinarie delle attività commerciali. Resteranno operative ristoranti, bar e pizzerie che si attendono tra città e litoranea numeri più che positivi, a giudicare dalle prenotazioni dei tavoli sia per pranzo che per cena. 
Chiusura totale oggi infine per i due centri commerciali, sia per i supermercati che per le gallerie commerciali.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA