Ex Ilva, sciopero dei sindacati il 6 maggio a Taranto contro cassa integrazione e incertezze

Ex Ilva, sciopero dei sindacati il 6 maggio a Taranto contro cassa integrazione e incertezze
2 Minuti di Lettura
Martedì 26 Aprile 2022, 14:37 - Ultimo aggiornamento: 14:44

Uno sciopero per il 6 maggio è stato indetto oggi dai sindacati metalmeccanici Fim Cisl, Fiom Cgil, Uilm e Usb nello stabilimento di Acciaierie d’Italia, ex Ilva, di Taranto. La decisione dopo l’assemblea di questa mattina dei delegati del siderurgico e dell’appalto indotto. Nella stessa giornata ci sarà anche il blocco della portineria C dello stabilimento, la più grande della fabbrica.

“Ma non ci poniamo limitazioni - spiegano le fonti sindacali - perché la situazione è davvero critica per l’ex Ilva e non escludiamo un protrarsi della protesta”. In Acciaierie d’Italia é intanto in corso dal 28 marzo scorso la cassa integrazione straordinaria. Durerà sino a marzo del prossimo anno.

La cassa straordinaria è stata chiesta per 3mila dipendenti come numero massimo e attualmente sta riguardando una media di 2.200 unità. La trattativa al ministero del Lavoro sulla cassa straordinaria si è chiusa senza accordo tra le parti. I sindacati nei giorni scorsi hanno sollecitato un nuovo intervento del ministro del Lavoro, Andrea Orlando.

© RIPRODUZIONE RISERVATA