I 100 anni di nonna Angela. Il segreto? Aria pulita e cibo genuino. La festa con la Cia Due Mari

Giovedì 24 Settembre 2020
Da sinistra: Giovanni Gugliotti, Vito Rubino e Michele D'Ambrosio con nonna Angela Bongermino, 100 anni
Una storia lunga un secolo. È quella della signora Angela Bongermino che ieri, mercoledì 23 settembre, ha festeggiato il suo centesimo compleanno. Una storia importante anche per Cia Due Mari (Taranto-Brindisi) perché la famiglia Bongermino Clemente con la propria azienda agricola è socia storica dell’organizzazione.
Il segreto della longevità della signora Angela è proprio nella campagna, nell’aria e nei prodotti di contrada Gaudella, agro di Castellaneta, dove la neo-centenaria vive circondata dall’amore dei figli Bartolomeo e Vincenza, che conducono con passione un’azienda agricola olivicola e viticola.

A festeggiare Angela, oltre ai suoi cari, c’erano il sindaco di Castellaneta nonché presidente della Provincia di Taranto Giovanni Gugliotti, il presidente di Anp Cia Due Mari Michele D’Ambrosio e il direttore provinciale di Cia Due Mari Vito Rubino.

«La storia della signora Angela è simile a quella di tanti anziani che, con il loro lavoro, rappresentano un presidio fondamentale per non far scomparire la cultura, la biodiversità e lo straordinario patrimonio storico, ambientale e produttivo rappresentato dalle zone rurali – ha spiegato Vito Rubino –. Sul rilancio delle aree interne, Cia Agricoltori Italiani e tutte le sue declinazioni territoriali lavorano da sempre con grande determinazione, perché siamo fermamente convinti che è soltanto da qui che si può costruire il futuro di un Paese capace di integrare i propri territori».

Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente di Anp Cia Due Mari Michele D’Ambrosio. «Gli anziani non sono un peso, ma una risorsa straordinaria di saggezza e memoria, oltre che di coesione familiare. Ci stiamo battendo da anni, con proposte strutturate e lungimiranti, per affermare il diritto degli anziani e di tutte le persone che vivono e lavorano nelle aree rurali ad avere servizi, sicurezza, pensioni adeguate agli standard europei. E’ una battaglia che continueremo con forza, affinché continuino a prosperare esempi come quelli della signora Angela e della sua famiglia, con un radicamento straordinario ai valori della terra».

  © RIPRODUZIONE RISERVATA