Aveva venduto informazioni riservate sui blitz al clan per 75mila euro. Un carabiniere finisce in manette

Venerdì 19 Novembre 2021

Aveva venduto informazioni riservate su blitz e operazioni delle forze dell'ordine a un clan attivo nel Metapontino, in provincia di Matera, in particolare nel traffico di sostanze stupefacenti. E la sua attività di "talpa"  gli era fruttata 75mila euro ma è stato arrestato questa mattina dalla Polizia a Castellaneta, in provincia di Taranto. A finire in manette il vicebrigadiere Michele Fico, di 49 anni, indagato nell'ambito di un'inchiesta coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Potenza.

I reati contestati: corruzione e rivelazione di segreto d'ufficio

I reati contestati a Fico riguardano il periodo 2015-2019, quando era in servizio a Bernalda (Matera). Il vicebrigadiere - ora in servizio in provincia di Bari - è indagato in concorso con Vincenzo Porcelli, condannato in primo grado per traffico di sostanze stupefacenti e attualmente detenuto. Le accuse, a vario titolo, sono di corruzione, rivelazione di segreto d'ufficio e ricettazione.

Ultimo aggiornamento: 20 Novembre, 11:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA