Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ispezione della Capitaneria di Porto, bloccata una petroliera

Ispezione della Capitaneria di Porto, bloccata una petroliera
2 Minuti di Lettura
Giovedì 13 Gennaio 2022, 14:23 - Ultimo aggiornamento: 17:20

A bordo non c'è sicurezza. E scatta il blocco per una petroliera alla fonda nel porto di Taranto. Il provvedimento è stato adottato dai militari della Capitaneria di Porto dopo un controllo condotto a bordo della nave cisterna, battente bandiera straniera, sotto il regime di “Port State Control”. L’unità mercantile, di stazza lorda appena superiore alle 6000 tonnellate, proveniente da un porto della Romania, è giunta a Taranto nel primo pomeriggio dell'8 gennaio per procedere ad operazioni commerciali.

L'ispezione

Nel corso degli accertamenti andati avanti per quasi 10 ore, sono emerse violazioni alle norme internazionali sulla salvaguardia della vita in mare, la sicurezza della navigazione e la protezione dell’ambiente. Nel dettaglio sono state evidenziate e contestate una decina di irregolarità

Le verifiche

Tra le anomali inquadrate nei corso delle verifiche anche il malfunzionamento del “Bridge Navigational Watch Alarm System” (Bnwas), il sistema di allarme previsto per assicurare lo stato dell’attenzione del personale marittimo nel corso del turno di guardia in plancia nonché delle porte tagliafuoco per accedere nel locale macchine ed in prossimità della cucina. La nave per riprendere la navigazione ha risolto, prima della partenza, le anomalie riscontrate ed è stata soggetta a una seconda ispezione per verificare la rispondenza alle normative internazionali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA