Bouvette, via dagli scaffali i vini di Bruno Vespa prodotti a Taranto

Bouvette, via dagli scaffali i vini di Bruno Vespa prodotti a Taranto
È durata poco l'avventura di Bruno Vespa vignaiolo alla Camera. Sarà un caso, ma dopo le polemiche dei giorni scorsi sollevate dal Codacons sul prezzo della bottiglia, il rosso di Puglia (Igp primitivo, annata 2015) prodotto a Manduria dal conduttore di Porta a Porta è scomparso dalla dagli scaffali in stile Liberty della buvette di Montecitorio.
Da oggi, infatti, non ci sono più le bottiglie (con la firma di famiglia, una 'V', e sotto la scritta in nero su sfondo bianco, il Bruno dei Vespa,) esposte in bella vista da venerdì scorso sul ripiano del bancone, dove i deputati consumano panini e 'apè durante la pausa dei lavori parlamentari. Ieri il Codacons aveva chiesto l'intervento del presidente dell'Assemblea, Roberto Fico, per chiarire come mai la bottiglia del vino di Vespa venga venduto alla Camera a 15 euro, mentre on line, sul sito della vigna di proprietà dell'ex direttore del Tg1, costa di listino molto meno. Pronta la replica di Vespa: «Posso assicurare che il prezzo di vendita alla buvette di Montecitorio (15 euro) è nettamente inferiore al prezzo più basso riscontrabile in qualunque ristorante.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 30 Gennaio 2019 - Ultimo aggiornamento: 21:39