I profitti delle estorsioni reinvestiti in attività commerciali: sequestrati beni per 20 milioni a pregiudicato

I profitti delle estorsioni reinvestiti in attività commerciali: sequestrati beni per 20 milioni a pregiudicato
3 Minuti di Lettura
Martedì 26 Luglio 2022, 12:10 - Ultimo aggiornamento: 20:30

Un decreto di sequestro preventivo di beni mobili e immobili, compendi aziendali, quote di partecipazione al capitale sociale e disponibilità finanziarie del valore di circa 20 milioni di euro è stato notificato dalla Guardia di finanza a un pregiudicato di Taranto, già condannato in via definitiva per i reati di associazione per delinquere finalizzata alle estorsioni, estorsione e lesioni personali aggravate dall'utilizzo del metodo mafioso.

Le indagini tra Taranto e Salerno

Il provvedimento emesso dal tribunale di Lecce su richiesta della procura distrettuale antimafia rappresenta l'epilogo di una complessa attività investigativa svolta dalle Fiamme gialle di Taranto e Salerno, sfociata nell'aprile del 2021 nell'esecuzione di 46 misure cautelari fra Taranto, Napoli, Caserta, Avellino e Cosenza. Vengono contestati i reati di associazione per delinquere, trasferimento fraudolento di valori, detenzione illegale di armi e contrabbando di carburanti. Il pregiudicato destinatario della misura di prevenzione patrimoniale avrebbe reinvestito i profitti illeciti delle attività estorsive, avvalendosi di fidati «prestanome», in una serie di attività commerciali nel settore della ristorazione-bar e del commercio di idrocarburi.

Gli ulteriori accertamenti e i sequestri

Il Tribunale di Lecce ha quindi disposto il sequestro anticipato di beni mobili (autovetture) e immobili ubicati nelle province di Bari e Taranto (terreni agricoli e fabbricati), di compendi aziendali e di quote di partecipazione al capitale sociale di 6 imprese, con sedi/unità locali nelle province di Roma, Salerno, Bari e Taranto, operanti nei settori della ristorazione/bar e del commercio di carburanti, nonché di disponibilità finanziarie direttamente o indirettamente riconducibili al proposto, per un valore complessivo pari a circa 20 milioni di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA