Albanese: «Immobilismo totale del centrodestra, allora mi candido io a sindaco»

Albanese: «Immobilismo totale del centrodestra, allora mi candido io a sindaco»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 14 Febbraio 2022, 05:00

Sul tavolo centrodestra-Patto per Taranto giunge in maniera ufficiale la candidatura a sindaco di Taranto dell’avvocato Egidio Albanese, attuale presidente del Ctp ed ex presidente dell’Ordine degli avvocati. Si tratta di una candidatura di natura civica, considerato che a lanciarla non sono i partiti, ma l’associazione “La voce di Taranto” di cui è presidente. 

La svolta

«Grande soddisfazione - si legge in una nota dell’associazione inviata agli organi di informazione - è stata espressa dall’assemblea per l’indicazione del presidente, l’avvocato Egidio Albanese, come candidato sindaco per la città di Taranto». Il professionista ha spiegato la ragione che ha spinto gli associati de “La voce di Taranto” a prendere questa iniziativa: «Di fronte a una situazione di immobilismo totale da parte dei partiti del centrodestra, fermi da mesi, l’associazione ha ritenuto di lanciare una pietra nello stagno, anche allo scopo di sollecitare la discussione su temi e programmi, non se ne sta parlando, ma le elezioni sono, ormai, alle porte».
Sabato sera l’assemblea dei soci si è riunita nella propria sede, deliberando all’unanimità anche la propria trasformazione da associazione politico-culturale a movimento politico. «Alla base di questa scelta - c’è scritto sempre nel comunicato stampa - la necessità di dare ancora più forma e vigore alla realizzazione ed attuazione del proprio documento programmatico e per essere ancora più attenti  nell’ascolto delle istanze del territorio». “La voce di Taranto” non ha dubbi sulla capacità di aggregazione di Albanese.

«Il nostro presidente - viene sottolineato nel verbale dell’assemblea - potrà così esprimere la sintesi migliore di tutte le componenti socio economico culturali della nostra città». Il professionista tarantino ha, dunque, ringraziato i componenti dell’assemblea e ha ricordato che «se si vuole fare politica occorre avere un peso reale, altrimenti si diventa un ingranaggio di un sistema controllato da altri». A detta dell’avvocato, per fare ciò è necessario continuare ad elaborare idee alle quali, però, tutti insieme bisogna dare le gambe, «le nostre e quelle di tutti coloro che già hanno dato la loro disponibilità o che si affiancheranno nella realizzazione di questo progetto».
Sul tavolo di centrodestra-Patto per Taranto adesso c’è una nuova proposta ufficiale di candidatura, questa volta proveniente da cittadini riuniti in associazione. “La voce di Taranto” starebbe provando così a disincagliare il dibattito interno alla coalizione, bloccato sulla figura di un possibile candidato sindaco che possa essere fattore di sintesi tra le diverse sensibilità di tutte le forze in campo. I componenti dell’associazione pensano, probabilmente, che una figura proveniente dalla società civile, senza militanze politiche pregresse, ma al tempo stesso di esperienza, possa essere la chiave di un rebus che, sia a livello locale sia a livello nazionale, non sembra di facile soluzione. 
Questa settimana dovrebbe essere quella decisiva per rompere gli indugi e decidere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA