Sinner, Musetti e gli altri: l'Italia ha una generazione di fenomeni

Domenica 4 Aprile 2021 di Piero Valesio

«Ma in Svezia avete una fabbrica di robot del tennis? E poi ci avvitate sopra delle testoline?». Anno Domini 1986: a parlare è Ion Tiriac. Uno che in quel momento sta curando le fortune di Boris Becker. Ma la frase è ispirata da altri componenti della classifica Atp: gli svedesi, per l’appunto. Nelle prime 21 posizioni ce ne sono 7: Wilander è n.3, Edberg 5, Nystrom 7. Poi Pernfors, Carlsson, Jarryd e Svensson. Nei primi 100 gli svedesi sono...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 17:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA