Tokyo 2020, l'oro dell'Iran nella pistola 10 metri diventa un caso: «Foroughi è un terrorista»

Tokyo 2020, Foroughi: accuse di terrorismo all'oro olimpico
Tokyo 2020, Foroughi: accuse di terrorismo all'oro olimpico
3 Minuti di Lettura
Venerdì 30 Luglio 2021, 16:04 - Ultimo aggiornamento: 1 Agosto, 07:22

Il trionfo di Javad Foroughi nella pistola 10 metri di Tokyo 2020 è diventato un giallo. Una vita con le pistole in mano a caccia del colpo perfetto al bersaglio hanno portato l'iraniano a conquistare l'oro olimpico, ma è scoppiata una vera e propria guerra diplomatica. L'iraniano è stato accusato di essere un terrorista

Leggi anche > Tokyo 2020, Angela Carini eliminata torna a Napoli e il papà muore

Secondo le accuse piovute nei suoi confronti, Javad Foroughi farebbe parte del Corpo delle guardie della rivoluzione islamica, meglio noti come Guardiani della rivoluzione. Dal 2019 gli Stati Uniti hanno inserito il gruppo nella lista dei gruppi terroristici. Il primo a puntare il dito è stato il tiratore coreano Jin Jong-oh (15esimo al termine della gara dominata dall'iraniano): «Come può un terrorista vincere l'oro? Questa è la cosa più assurda e ridicola», ha dichiarato incolpando il Cio di aver permesso la sua partecipazione. 

Altre rimostranze sono arrivate da United for Navid, l’associazione nata dopo l’esecuzione del lottatore iraniano Navid Afkari, colpevole di aver protestato contro il regime: l’associazione ha chiesto alla commissione etica del Cio di avviare un’indagine immediata, sottolineando che altrimenti il Comitato olimpico internazionale sarebbe diventato «complice nella promozione del terrorismo e dei crimini contro l’umanità. Il 41enne Foroughi è un membro attuale e di lunga data di un’organizzazione terroristica. I Guardiani della Rivoluzione hanno una storia di violenze e uccisioni non solo di persone e manifestanti iraniani, ma anche di persone innocenti in Siria, Iraq e Libano».

Immediata la risposta del Cio che prima di procedere vuole avere la certezza che Foroughi sia veramente un terrorista. «Se hanno delle prove che ce le facciano avere: noi siamo qui». Così il portavoce del Cio Mark Adams ha risposto a una domanda sul caso dell'iraniano Javad Foroughi, oro della pistola 10 metri al primo giorno di gare, e ora accusato dagli avversari e non solo di essere un terrorista, in quanto Guardiano della rivoluzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA