Rio, la scappatella della bella tuffatrice Ingrid diventa un caso. Liti e sanzioni

La coppia Oliveira-Pedroso in azione
La coppia Oliveira-Pedroso in azione
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Agosto 2016, 18:55 - Ultimo aggiornamento: 11 Agosto, 14:09

L'ottavo disastroso posto della coppia di tuffatrici brasiliane Oliveira-Pedroso, nel trampolino da 3 metri, non è stato casuale. La deludente prestazione avrebbe infatti un curioso retroscena, culminato in una lite pubblica avvenuta tra le 2, davanti ai colleghi. Questo episodio sta scuotendo l'ambiente della squadra brasiliana, che già sente la responsabilità di giocare in casa. Ingrid Oliveira è una star sexy nel suo paese, e non avrà fatto certo fatica a trovare compagnia nella notte olimpica:


Ingrid Oliveira

Tutto è nato quando le telecamere delle tv locali hanno documentato un litigio della ragazza con la compagna Giovanna Pedroso, nel corso della finale dei tuffi sincro 3 metri. Andando a indagare sui motivi del dissidio, è venuto fuori che la lite c'è stata soprattutto perché alcune sere fa Ingrid si è portata in stanza al villaggio un altro atleta della delegazione brasiliana, chiedendo a Giovanna, che è anche sua compagna di stanza, di cercarsi un'altra sistemazione.

 
 

La ragazza ha trascorso la notte in un'altra camera, ma il giorno dopo ha informato dell'accaduto i suoi dirigenti. Molti atleti ne sono venuti a conoscenza, solidarizzando con la Pedroso. Alla fine è intervenuto il Cob, il comitato olimpico brasiliano, che inizialmente aveva deciso di espellere dai Giochi Ingrid, ma poi ha avuto un ripensamento e ha fatto richiesta alle due tuffatrici di gareggiare comunque insieme. Le due hanno finito all'ultimo posto, in evidente carenza di feeling, fondamentale nella loro disciplina.

Ingrid e Giovanna non rilasciano dichiarazioni sull'accaduto ma, tanto per gradire, qualche minuto fa la Pedroso ha postato su instagram un silenzioso selfie, chissà cosa sta pensando della (ex?) compagna di gare:

 
 

🤔🏡

Una foto pubblicata da Giovanna Gomes Almeida Pedroso (@_giovannagomes_) in data:

© RIPRODUZIONE RISERVATA