Il Lecce di Baroni nella storia del club: mai 40 punti nelle prime 20 giornate. E il club assicura: "I nostri gioielli non sono in vendita"

Venerdì 28 Gennaio 2022 di Lino DE LORENZIS
I calciatori del Lecce

Il Lecce di Marco Baroni, con la vittoria ottenuta nel recupero di mercoledì contro il Vicenza, ha stabilito un nuovo record che entra di diritto nella storia dell’ultracentenario club giallorosso. Mai prima d’ora infatti la squadra salentina aveva toccato quota 40 punti dopo le prime venti giornate del torneo cadetto.
E ha fatto bene a sottolinearlo il presidente Saverio Sticchi Damiani: dopo averlo dichiarato al Nuovo Quotidiano di Puglia nell’intervista rilasciata nel post partita, il massimo dirigente del sodalizio di via Colonnello Costadura ha deciso di rendere pubblica tutta la sua gioia pubblicando un messaggio sui suoi canali social. “Il Lecce, in serie B, non ha mai realizzato nella sua storia 40 punti nelle prime 20 partite. Ci è riuscita una squadra composta da tanti giovani di qualità (e di proprietà) e da alcuni “vecchietti” terribili dai grandi valori, in uno dei tornei più difficili di sempre. Complimenti a chi ha costruito questo gruppo con coraggio, idee e talento ed a chi lo allena con serietà, rigore e competenza. Complimenti anche ai miei soci che, in un momento così complicato, hanno condiviso con me la scelta di non cedere nessuno dei nostri giovani talenti. Non so come andrà a finire questo difficilissimo campionato (con tante corazzate che non hanno badato a spese), ma so che stiamo costruendo qualcosa di bello che spero possa rendere orgogliosa la nostra gente”.

"I big restano nel Salento"

Oltre ad aver manifestato la soddisfazione personale e dei soci del club, Saverio Sticchi Damiani ha fatto chiarezza anche sul mercato e sulle tante voci che si sono rincorse, soprattutto in questi ultimi giorni, circa la possibilità di privarsi di alcuni dei gioielli della rosa di mister Baroni. È inutile nascondere il forte interessamento di molti club della serie A, e non solo, per i vari Gabriel Strefezza, Morten Hjulmand, Marcin Listkowski,Tony Gallo e altri. Il presidente ha detto a chiare lettere che nessuno di questi ragazzi lascerà il Salento in questa finestra di mercato. In futuro, chiaramente, potrà accadere di tutto. Per ora però gli elementi che più di altri si sono messi in evidenza (ieri Luca Paganini, uno degli esuberi, è stato ceduto all’Ascoli, ndr) continueranno ad indossare la maglia del Lecce con l’obiettivo di difendere fino alla fine l’attuale primo posto in classifica. Un primato conquistato al termine di un lungo percorso, cominciato con una pesante sconfitta all’esordio in casa della Cremonese e proseguito senza intoppi fino al passo falso di metà dicembre sul campo del Pisa. Dopodiché, tre vittorie su tre nel nuovo anno e primo posto solitario in classifica davanti a club che, sulla scia di quanto hanno fatto in estate, continuano ad investire quattrini per rinforzare ulteriormente l’organico. Certo, non sarà facile restare al comando ininterrottamente fino alla fine della stagione regolare, però i ragazzi di Baroni hanno dimostrato di poter recitare un ruolo importante in questo campionato grazie soprattutto alla forza di un gruppo numeroso e soprattutto di qualità.


© RIPRODUZIONE RISERVATA