Lecce, avviata la trattativa per la riduzione degli ingaggi dei calciatori

Giovedì 30 Aprile 2020 di Lino DE LORENZIS
Capitan Marco Mancosu
LECCE Primo incontro ufficiale tra società e calciatori del Lecce dall’inizio del lockdown per l’amergenza coronavirus. Martedì scorso infatti il presidente Saverio Sticchi Damiani ha avuto un lungo colloquio in videoconferenza con la squadra giallorossa al gran completo. Erano presenti tutti i 25 componenti la “rosa” della prima squadra con in testa il capitano, Marco Mancosu, e il vice capotano, Fabio Lucioni. Come si ricorderà, presidente e calciatori non si vedevano dall’incontro - dal vivo - del 10 marzo scorso avvenuto nella sala conferenza dell’Acaya Golf Resort. In seguito, lo stop delle attività sportive, allenamenti compresi, imposto dal Governo ha costretto tutti a rintanarsi nelle proprie abitazioni in attesa di conoscere gli sviluppi della situazione e soprattutto la notizia più importante: il campionato di serie A riprenderà regolarmente oppure sarà dichiarato concluso con dodici giornate d’anticipo. Una decisione che, evidentemente, è di competenza del Governo sulla scia dei provvedimenti già adottati negli ultimi giorni in Olanda, in Francia e anche in Argentina.
Il presidente Sticchi Damiani, che una decina di giorni fa aveva già fatto una breve chiaccherata con i “senatori” dello spogliatoio Mancosu e Lucioni, ha illustrato alla squadra la complessa situazione che vede protagonisti Governo, Ministero dello Sport e Ministero della Sanità, Federcalcio, Lega serie A, e le associazioni di calciatori, allenatori e arbitri. Tra una polemica e l’altra al momento non si vede ancora la luce e tantomeno non c’è una data stabilita per la ripresa degli allenamenti, ovviamente in sicurezza. In attesa che tra le parti torni a regnare il sereno per il bene del calcio e di tutte le parti in causa, presidente e calciatori hanno anche toccato uno degli argomenti più scottanti di questo scorcio di stagione, quello dei contratti e dell’ipotesi di riduzione. Dalla Juventus al Parma e via via altre società di serie A hanno annunciato di aver già trovato l’intesa con i propri tesserati per il taglio degli ingaggi, anche se fin qui in Lega non v’è alcuna traccia. E il Lecce? Nell’incontro di martedì scorso sono state gettate le basi per un accordo soddisfacente per tutti. Se ne riparlerà nei prossimi giorni, quando si conoscerà (almeno si spera) il destino della stagione 2019-2020.
Ovviamente, in casa del Lecce si lavora a trecentosessanta gradi. Con ogni probabilità dalla prossima settimana sarà avviata la macchina organizzativa per garantire la ripresa degli allenamenti, al momento prevista per lunedì 18 maggio. Per la sede del ritiro il Lecce ha già raggiunto un’intesa di massima con l’Acaya Golf Resort, divenuto da tempo il quartier generale della squadra allenata da mister Fabio Liverani (ieri il mister ha festeggiato il compleanno). Il Protocollo sanitario predisposto dalla Figc prevede la convocazione di tutto il gruppo squadra (staff tecnico, calciatori, sanitari, magazzinieri e collaboratori) almeno quattro o cinque giorni prima della data fissata per la ripresa degli allenamenti al fine di sottoporre tutti alle visite mediche e agli esami clinici previsti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA