Sticchi Damiani: "Ho visto un Lecce meno brillante rispetto alle ultime prestazioni. Il nostro pubblico è straordinario"

Morten Hjulmand
Morten Hjulmand
di Antonio IMPERIALE
3 Minuti di Lettura
Lunedì 3 Ottobre 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 09:11

Non ha il sorriso delle altre volte, il presidente Saverio Sticchi Damiani. Ma, come sempre, si muove sul filo del grande equilibrio emotivo. C’è il rammarico di non aver regalato ai tifosi del Lecce la gioia della prima vittoria interna, ma anche la consapevolezza che in fondo è un pareggio che fa sempre classifica e che senza il miracolo di Falcone si poteva rischiare il peggio. «È stato semplicemente straordinario il nostro portiere, con una prodezza che ha salvato il risultato», dice con la consueta onestà Saverio Sticchi Damiani.
E ammette. «Ho visto una squadra meno brillante del solito. Non so se dipenda dal fatto che durante la pausa si sia lavorato duramente sulla parte atletica. Sul versante dell’impegno, la squadra ha peraltro, come sempre, dato davvero tutto. Il campo ha detto che non avremmo meritato la vittoria. Un pareggio però resta comunque molto importante in serie A. Anche un punto vale in prospettiva futura». E rende merito all’avversario. «La Cremonese ha disputato una partita importante, con un’ammirevole prestazione».


Un applauso per Strefezza, al terzo gol stagionale. «Era una rigore molto difficile in quel momento della partita, con grande rischio sul piano emotivo. Il ragazzo ha dimostrato una freddezza che è anche segno di maturità». Il dilemma Colombo-Ceesay? «I due giocatori sono stati ugualmente utili in questo avvio di stagione. Penso che il mister abbia schierato inizialmente il nazionale under 21 perché Ceesay aveva perso qualche allenamento».
Chi non ha mai steccato, ancora una volta, è stato il pubblico. «Il nostro pubblico non sbaglia mai (ieri i paganti sono stati 3.429 in aggiunta ai 19.948 abbonati, ndr). È un tifo straordinario, il nostro: ha sospinto la squadra anche in un pomeriggio non particolarmente brillante. Con l’aiuto dei nostri tifosi andremo certamente avanti».
E intanto comincia subito con la Roma, il poker delle quattro partite con le grandi. «Giocheremo con la determinazione, con la consapevolezza che i punti si possono fare contro chiunque»

© RIPRODUZIONE RISERVATA