Dodici risultati utili consecutivi: Lecce, come te non c'è nessuno

Lunedì 22 Novembre 2021 di Tonio DE GIORGI
Morten Hjulmand

Come il Lecce non c’è nessuno. È dei giallorossi di mister Baroni la migliore striscia positiva fra le venti squadre che partecipano al campionato di serie B 2021-2022. Quello conquistato sabato a Frosinone è il dodicesimo risultato positivo consecutivo, nemmeno la sosta della cadetteria ha provocato interruzioni sul cammino dei giallorossi. Sia pure con un pareggio a reti bianche (0-0), capitan Lucioni e compagni hanno ripreso la scalata verso la vetta.

La continuità degli uomini di Baroni

Proprio la continuità è una delle armi migliori per stare nel gruppone di testa e giocarsela fino in fondo. Il Lecce è sulla strada giusta e rispetto al Brescia capolista fa registrare un cammino più continuo. I bresciani, però, mantengono la vetta mettendo, per ora, tre punti tra loro e la squadra leccese, con il Pisa da ieri sera di nuovo secondo. La formazione allenata da Pippo Inzaghi ha messo insieme fin qui 8 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte. Il Lecce, dal canto suo, ha conquistato 6 vittorie, 6 pareggi e incassato soltanto una sconfitta. Risale alla gara d’esordio stagionale, sul campo della Cremonese, quando la squadra leccese non aveva rimosso ancora il cartello “lavori in corso” sebbene per un tempo dimostrò di non meritare quel punteggio negativo così netto. Da fine agosto in avanti i calciatori del Lecce hanno sempre lasciato il campo aggiungendo punti alla propria classifica fino a raggiungere gli attuali 12 i risultati utili consecutivi. 
La vittoria ottenuta contro il Parma, prima della sosta, aveva permesso a mister Baroni di eguagliare la striscia di risultati utili consecutivi fatta nella passata stagione dalla squadra di Corini. Accadde nel girone di ritorno, dalla terza giornata alla dodicesima. Dopo la sfida di sabato allo Stirpe di Frosinone, Lucioni e compagni hanno messo la freccia. E non c’è alcuna voglia di fermarsi, anche perché la squadra è in fiducia. Sono lontani, ormai, i giorni estivi in cui Baroni doveva ancora incastrare gli ultimi tasselli che Corvino e Trinchera hanno attinto da un mercato mai semplice, ma che la società di Sticchi Damiani e soci ha deciso di affrontare, già dall’estate 2020, con quel rigore finanziario e con scelte ponderate che permetteranno in futuro di poter operare con più serenità, con la possibilità di attingere sempre più da risorse interne. 

Un ruolino importante

Ma torniamo ai numeri di queste prime tredici giornate. Il Lecce è la squadra che non ha spento mai il motore. Ha portato a casa punti sempre, anche viaggiando al minimo. Sei vittorie e sei pareggi: questo il cammino del Lecce dalla seconda giornata alla tredicesima. Ventiquattro punti che sono serviti per arrivare fino alla seconda posizione in graduatoria. Il Brescia capolista aveva messo insieme sei risultati utili consecutivi nelle prime sei giornate. Adesso sta cercando di superarsi ed è arrivato a cinque con la vittoria di sabato a Vicenza: quattro successi e un pareggio nelle ultime cinque giornate. Dopo quella del Lecce, la striscia migliore era quella del Como: 7 risultati utili di fila prima della sconfitta di ieri nel derby col Monza. Fra i ruolini di marcia positivi ancora in corso c’è pure quello del Frosinone. Con il pareggio ottenuto contro il Lecce, la formazione di Grosso è arrivata a quota 6 (come nelle prime sei giornate). Prima del Lecce aveva fatto bene il Benevento imbattuto per otto giornate, dalla terza alla decima, quando ha conquistato 4 vittorie e 4 pareggi. Si sono fermate a sette sia il Perugia che il Pisa. La squadra umbra è stata imbattuta dalla terza alla nona giornata. La striscia della formazione allenata da Alvini si interruppe proprio dopo il pareggio a reti bianche conseguito al Via del Mare. Nel turno successivo arrivò la sconfitta casalinga contro la Reggina. Anche il Pisa non è andato, per ora, oltre i sette risultati utili di seguito. I nerazzurri toscani sono partiti spediti nelle prime sette giornate conquistando 19 punti su 21 frutto di sei vittorie e un pareggio. A sei turni di imbattibilità si era pure fermata la Reggina: mai una sconfitta dalla prima giornata alla sesta, come il Brescia di cui abbiamo già scritto. Non è andata oltre i quattro risultati utili di fila la Spal, dalla settima alla decima giornata. Come il Cosenza, che dalla terza alla sesta giornata non ha mai lasciato il campo da perdente. Il Parma, big molto attesa alla vigilia del torneo, non è andato oltre tre risultati utili di seguito come la Cremonese e l’Ascoli che con la vittoria in casa del Pordenone risulta imbattuto da tre turni. Male l’Alessandria, solo in due occasioni e per non più di due turni è risultata imbattuta. Malissimo il Vicenza. A inizio campionato, nelle prime sei giornate sempre perdente; con la sconfitta di sabato ad opera del Brescia, i biancorossi hanno subito la quinta sconfitta in sei giornate.


© RIPRODUZIONE RISERVATA