Lecce, è fatta per l'attaccante spagnolo Asencio. Sarà lui il vice-Coda

Lunedì 3 Gennaio 2022 di Lino DE LORENZIS
Raul Asencio

Manca solo l’annuncio ufficiale e potrebbe arrivare già nelle prossime ore. Salvo clamorosi ripensamenti, sarà Raúl José Asencio Moraes, meglio noto come Raúl Asencio il vice di Massimo Coda nel Lecce di Marco Baroni. Per l’attaccante spagnolo di origini brasiliane si tratterebbe di un gradito ritorno in Italia dopo le precedenti esperienze vissute con Genoa, Avellino, Benevento, Pisa, Cosenza, Pescara e Spal. Attualmente l’attaccante spagnolo è svincolato in virtù della risoluzione del contratto firmata solo pochi giorni fa con l’Alcorcon, club della seconda serie spagnola. Il suo sogno di essere protagonista in Patria è naufragato dinanzi alle mille difficoltà incontrate nel corso della sua breve e sfortunata esperienza con la l’Alcorcon al punto da spingerlo a rinunciare all’ingaggio pattuito fino al termine di questa stagione pur di liberarsi da ogni vincolo contrattuale in attesa di trovare una nuova sistemazione. «Possibilmente in Italia», ha detto a gran voce Asencio al suo agente che, nel giro di pochi giorni, ha intavolato una trattativa con il Lecce e tra oggi e domani è attesa la firma nonostante l’inserimento del Cosenza che vorrebbe riportarlo in Calabria. Ma dinanzi alla possibilità di lottare per la promozione in serie A con i giallorossi salentini Asencio sarà costretto a dare un dispiacere al suo vecchio presidente Guarascio legandosi al Lecce con un contratto pluriennale.

Il ruolo di Trinchera

Raul Asencio, 23 anni, nel Salento si sentirà un po’ a casa per via della presenza di Massimo Coda, già compagno di squadra nella precedente esperienza italiana con il Benevento, e del direttore sportivo Stefano Trinchera, che lo aveva fortemente voluto nel Cosenza e con il quale è rimasto in ottimi rapporti. Il dirigente di Copertino ha sempre creduto nelle potenzialità del giovane attaccante spagnolo, in gran parte ancora inespresse, e non appena c’è stata la possibilità di intavolare una trattativa per riaverlo alle dipendenze non si è tirato indietro. Ora però bisognerà trovare l’intesa sulla durata del contratto e sull’ingaggio del calciatore che aspetta l’occasione giusta per rilanciarsi nel calcio italiano. In questo senso, la presenza di Trinchera potrebbe rappresentare uno stimolo in più per il ragazzo che piace molto anche al responsabile dell’area tecnica Pantaleo Corvino e al tecnico Marco Baroni.

Le altre mosse

Una volta messo nero su bianco per l’ingaggio di Asencio, il Lecce comincerà a guardarsi intorno con l’obiettivo di completare l’organico con altri due, forse tre innesti. Di sicuro, oltre alla punta centrale arriveranno in Salento anche un esterno d’attacco e una mezz’ala, e non è da escludere anche la necessità di ingaggiare un difensore centrale alla luce dell’insistenza con cui Biagio Meccariello ha chiesto di essere ceduto alla Spal. Il problema è che finora gli emiliani non si sono ancora fatti sentire con i colleghi del Lecce. Sul piede di partenza ci sono di sicuro Luca Paganini e Brayan Vera, ormai da tempo fuori dal progetto tecnico del club giallorosso.


© RIPRODUZIONE RISERVATA