Il Lecce ferma la Juve: al via del mare finisce 1-1

Sabato 26 Ottobre 2019 di Francesco BUJA
Un pomeriggio al cardiopalma per il Lecce che alla fine è riuscito a fermare la Juve terminando una sfida impegnativa e potenzialmente pericolosa in pareggio.
Alla fine dell'incontro Higuain, che era rimasto ferito alla testa, è stato soccorso da un'ambulanza del 118 dopo essere uscito in barella dal rettangolo verde, accusando qualche problema determinato dallo scontro con Gabriel avvenuto nel tempo di recupero.

Il Lecce porta dunque a casa un risultato molto incoraggiante.
Durante l’intervallo il Lecce opera la sostituzione di Farias, al posto del quale entra in campo Lapadula, un attaccante per un altro. Al 5’ minuto Valeri, consultato il mezzo televisivo, assegna il calcio di rigore alla Juventus per un fallo commesso da Petruccione su Pjanic. Dybala trasforma la massima punizione infilando la palla nell’angolo alla sinistra di Gabriel. Il Lecce reagisce subito: tiro violento di Mancosu al 10’ minuto, ma Szczesny è attento e manda in angolo. Poco dopo il rigore per i giallorossi, causato dal fallo di mano di De Ligt su traversone di Calderoni: capitan Mancosu realizza l’uno a uno. E si buttano nella mischia forze nuove: nel Lecce, Tabanelli al posto di Majer; nella Juventus, l’ex giallorosso Cuadrado subentra a Danilo. Al 16’ palo di Bernardeschi,sfuggito alle maglie della difesa e superato Gabriel. Cinque minuti dopo uscita provvidenziale di Gabriel, che di piede toglie la palla a Higuain.

Alla mezz’ora Bonucci, davanti a Gabriel, manda alto un pallone piovuto in area. Due minuti dopo il sinistro di Dybala a girare sul secondo palo, la palla sorvola l’incrocio dei legni. Al 38’ uscita coi pugni di Gabriel, intervento regolare, ma resta a terra Higuain. L’argentino continua la partita, seppur con la testa fasciata. Il Lecce si chiude, tenta qualche contropiede, la Juve non sfonda. Al penultimo minuto di recupero Gabriel si oppone a Higuain, sfuggito ancora alla marcatura. Sette minuti di recupero, ma la Signora non riesce a spuntarla. Finisce 1-1, il Lecce ferma la capolista. Nel secondo tempo sono entrati in campo anche Khedira e Rabiot, rispettivamente al posto di Pjanic e di Emre Can per la Juve, e Rispoli, in sostituzione di Meccariello, per il Lecce.
Secondo tempo al cardiopalma al via del mare: 
11': pareggio del Lecce si rigore, gol di Mancosu.
Si torna in parità dopo che la Juve era passata in vantaggio al 6'con Dybala che ha siglato lo 0-1 su rigore. Massima punizione concessa per un fallo di Petruccione su Pjanic.
 






PRIMO TEMPO 0-0
La Juventus dimostra la sua prevedibile superiorità tecnica, arriva facilmente nell’area giallorossa, ma il Lecce riesce a chiudersi, arroccato attorno a Lucioni. A centrocampo però troppi errori per i padroni di casa, che non impensieriscono più la Signora. Al 29’ un tiro di Dybala si rivela pericoloso ma la palla anche questa volta va sul fondo. Nel tempo di recupero, in contropiede, i salentini provano a impensierire il portiere bianconero con un tiro di Mancosu dalla distanza, conclusione velleitaria. Il primo tempo del “Via del Mare” finisce a reti bianche.




DIRETTA
Lecce arrembante nei primi minuti, già al secondo va vicino al gol, però la botta di Mayer da posizione centrale viene respinta da Szczesny. E al 9’ minuto, in forza di un contropiede, Babacar si trova davanti al portiere bianconero, ma il suo piatto destro viene facilmente parato. La Juve si rende pericolosa al 12’ con un colpo di testa di Bonucci, che riceve palla dal corner, ma la sfera finisce oltre l’incrocio dei pali. E tre minuti più tardi segna Higuain, correggendo in rete una palla che pareva destinata ad andare sul fondo; l’argentino però era in fuorigioco e l’arbitro annulla la rete. Poi Petruccione tenta il pallonetto lezioso per sorprendere Szczesny, ma la conclusione è sbilenca. Al 22’ il diagonale di Higuain sul secondo palo: sfera fuori di poco; e poco dopo, il pallonetto di Dybala, ma la palla finisce oltre la traversa. Al 26’ minuto si fa applaudire Gabriel, deviando in angolo il tiro di Dybala, che si era inserito nell’area leccese grazie a un passaggio filtrante. Ancora zero a zero.


Non c'è Ronaldo: assalto alla Juve

Lecce (4-3-1-2): 21 Gabriel; 16 Meccariello, 5 Lucioni, 13 Rossettini, 27 Calderoni; 4 Petriccione, 77 Tachtsidis, 23 Tabanelli; 8 Mancosu; 17 Farias, 30 Babacar.
A disposizione: 22 Vigorito, 2 Riccardi, 3 Vera, 6 Benzar, 9 Lapadula, 10 Falco, 11 Shakhov, 19 La Mantia, 29 Rispoli, 32 Lo Faso, 37 Majer, 39 Dell'Orco.
All. Coppola (Liverani squalificato).
Juventus (4-3-1-2): Szczesny; 13 Danilo, 19 Bonucci, 4 De Light, 12 Alex Sandro; 23 Emre Can, 5 Pjanic, 25 Rabiot; 33 Bernardeschi; 10 Dybala, 21 Higuain. 
A disposizione: 77 Buffon, 31 Pinsoglio, 2 De Sciglio, 6 Khedira, 14 Matuidi, 16 Cuadrato, 24 Rugani, 28 Demiral, 30 Betancur, 35 Olivieri, 36 Han.
All. Sarri.
Arbitro: Doveri di Roma.
 
 

  Ultimo aggiornamento: 21:48


© RIPRODUZIONE RISERVATA