Lecce, colpo di mercato: preso il portiere Brancolini. Il predestinato

Federico Brancolini, classe 2001, modenese
Federico Brancolini, classe 2001, modenese
di Lino DE LORENZIS
4 Minuti di Lettura
Domenica 5 Giugno 2022, 05:00

Per gli addetti ai lavori Federico Brancolini, portiere, classe 2001, è un predestinato. Il Lecce è riuscito a soffiarlo alla Fiorentina con un autentico colpo da maestro di Pantaleo Corvino, coadiuvato dal suo braccio destro Stefano Trinchera. E sì, perché quello che da tutti è considerato uno dei migliori prospetti del calcio italiano ha lasciato la Viola e Firenze per trasferirsi al Lecce, nella Firenze del Sud, a parametro zero. Un colpo basso per la Fiorentina che, vale la pena ricordare, nell’estate del 2017 aveva dovuto sborsare ben 500 mila euro per assicurarsi le prestazioni del 16enne portiere di proprietà del Modena. Un’operazione firmata, manco a dirlo, da Pantaleo Corvino, all’epoca direttore generale dell’area tecnica del club dei Della Valle.
Dopo l’addio di Corvino, che non ha mai smesso di seguire il suo pupillo, anche se da lontano, la permanenza di Brancolini a Firenze si è un po’ complicata. Forse perché considerato da tutti il “figlioccio” del manager di Vernole. Per “Branco” poche gioie, come ad esempio l’esordio in serie A contro il Bologna di Mihajlovic (4-0 per i toscani) o ancora le convocazioni nelle varie nazionali azzurre, dall’Under 18 all’Under 19 fino all’Under 21 di Nicolato. Per il resto, tanti momenti difficili superati soltanto grazie ad una grande forza d’animo e al supporto della famiglia che lo ha sempre sostenuto. 

Il no alla Viola

E dopo averlo riposto nel dimenticatoio, all’improvviso la Fiorentina si è accorta di avere in casa un portiere dalle enormi potenzialità. Di conseguenza, gli uomini del presidente Rocco Commisso sono tornati a bussare alla porta di Brancolini e del suo agente per proporre il rinnovo del contratto in scadenza il 30 giugno 2022. Troppo tardi. Dopo aver barcollato per qualche giorno, anche perché sorpreso dalla mossa dei dirigenti Viola, Brancolini ha deciso di rifiutare la proposta e di andare a scadenza. Una piccola rivincita, la sua. Una decisione accolta molto male dai responsabili dell’area tecnica della Fiorentina al punto da finire fuori dal progetto tecnico della Prima squadra.

A quel punto, è cominciato il lavoro di Corvino e di Trinchera che settimana dopo settimana, giorno dopo giorno hanno puntato il mirino su Brancolini, certi di riuscire a convincerlo ad accettare il trasferimento al Lecce. E quando la società giallorossa ha inviato la pec alla Fiorentina per comunicare l’inizio della trattativa con il portiere modenese, un atto dovuto nel rispetto della normativa in vigore, la notizia dell’interessamento del club giallorosso è diventata di dominio pubblico. A quel punto, in tanti hanno cominciato a bussare alla porta di Brancolini che ha preso tempo prima di dire sì alla persona che per prima aveva creduto in lui, ovvero Pantaleo Corvino. Uno smacco per la Fiorentina e per i tanti club che nel frattempo avevano pensato al giovane estremo difensore emiliano. Dopo la disponibilità verbale, ieri è arrivata anche la firma: contratto di 5 anni, a conferma della stima di cui gode Brancolini che arriva al Lecce per fare il “secondo” (il “primo” non è ancora arrivato) ma che è destinato a diventare molto presto il portiere titolare della squadra giallorossa. Come successe tanti anni fa con Marco Amelia, pure lui giovane portiere scovato da Corvino. Solo che il portiere romano fu costretto a lasciare il Salento in fretta e furia perché finito nel mirino della critica in seguito ad un errore commesso nel match casalingo con il Chievo Verona. La sua rivincita è nota a tutti: campionbe del mondo nel 2006 con l’Italia di Lippi, 1 scudetto e 1 Supercoppa italiana con il Milan, 9 presenze nella nazionale maggiore, 19 nell’Under 21, più di 200 presenze in serie A.

© RIPRODUZIONE RISERVATA