Il Lecce cresce e spaventa il Torino, ma gli errori individuali (clamorosi) infrangono il sogno qualificazione

Mercoledì 28 Ottobre 2020

Solo nei tempi supplementari un buon Lecce si arrende al Torino nei 32esimi di finale della Coppa Italia. I giallorossi iniziano bene il match in gara unica in casa dei granata segnando con Stepinski al 22' del primo tempo. Un gol di testa su cross da sinistra per l'1-0. Il Torino pareggia con Lyanco in chiusura di frazione poi, nella ripresa, le squadre si equivalgono.

Necessari i supplementari in cui Verdi, al 109' e al 112' fa la differenza realizzando i gol della qualificazione granata. Il gol dell 2-1 è realizzato su calcio di rigore concesso per un gomito di Lucioni dopo che i giallorossi perdono palla in uscita, la seconda marcatura nasce addirittura da un calcio di punizione a favore dei giallorossi a 25 metri dalla porta granata. Il tocco di Coda, invece di favorire il sinistro di Calderoni, innesca la ripartenza del Toro su 80 metri di campo: quattro contro uno con Edera stoppato per due volte da Vigorito e con il pallone che termina a Verdi abile a segnare il 3-1 e a chiudere i giochi. Archiviata la Coppa Italia il Lecce si prepara ora alla sfida interna con il Pescara valida per la 6a giornata del torneo di B. 

Ultimo aggiornamento: 29 Ottobre, 17:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA