Sticchi Damiani dopo il pari: "A Benevento due punti persi. La squadra è in crescita"

Il presidente del Lecce, Saverio Sticchi Damiani
Il presidente del Lecce, Saverio Sticchi Damiani
di Francesco BUJA
2 Minuti di Lettura
Sabato 11 Settembre 2021, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 07:19

A Benevento si è visto un buon Lecce, ma Saverio Sticchi Damiani, presidente del club giallorosso, non è d’accordo se si commenta con un «finalmente». E spiega: «Due partite di rodaggio penso siano il minimo sindacale da concedere a una squadra completamente rinnovata. Mi sembra che abbia fornito una prestazione importante, su un campo difficile, contro una squadra attrezzata per la promozione. Stasera avrebbe meritato di vincere il Lecce, per le occasioni create, una delle quali negata da un pizzico di sfortuna in occasione del palo». Un solo punto però portato a casa. «La prestazione - analizza il massimo dirigente - dice che sono due punti persi, ma la notizia bella è che oggi, dopo solo due giornate di rodaggio, acquisiamo la consapevolezza che questa squadra può giocare contro tutti».

Le ragioni della prestazione

Un cambio di marcia su cui ha influito il malumore espresso dai tifosi? «Non è una scossa frutto dell’emotività, ma del lavoro. Questa squadra ha lavorato tanto in ritiro, alcuni giocatori sono arrivati alla fine del mercato: è quasi banale capire che questa compagine ha bisogno di tempo. Alcuni giocatori si stanno conoscendo e si vede il processo di crescita: qui nessuno ha la bacchetta magica». Serata di elogi per i ragazzi di Baroni più che di critica a un’avversaria che ci aspettava più tosta: «Credo che siano stati molto bravi i nostri ragazzi - rimarca Sticchi Damiani -. Il Benevento ha fatto la sua partita, ha tanti giocatori di categoria superiore, ma sono evidenti i meriti del Lecce, più che i demeriti del Benevento, che è in grandissima forma, come ha dimostrato pochi giorni fa, quando ha strapazzato il Napoli in amichevole. E la nostra squadra merita di ripartire dalle tante cose buone di questa sera». Unico cruccio: «Abbiamo avuto tante occasioni in avanti, peccato non essere stati concreti. Se proprio devo trovare un elemento negativo»

© RIPRODUZIONE RISERVATA