Lecce, assalto al fortino del Perugia

Sabato 23 Ottobre 2021 di LINO DE LORENZIS

L’obiettivo è di quelli importanti: battere il Perugia e cercare di rosicchiare ancora qualche punto alla capolista Pisa, impegnata domani nel confronto con il fanalino di coda Pordenone. Non sarà di sicuro una passeggiata di salute oggi, alle due del pomeriggio, per il Lecce di Marco Baroni. Ci vorrà una grande prestazione, sulla falsariga di quelle precedenti, per rimandare a casa gli umbri a mani vuote e consolidarsi ai vertici della graduatoria. Le statistiche, del resto, parlano chiaro: il Perugia si presenta sul palcoscenico dello stadio Via del Mare con l’etichetta di difesa meno battuta del campionato di serie B: sono soltanto 5 le reti incassate dal portiere Chichizola nelle prime otto giornate del torneo cadetto. E non è tutto: l’estremo difensore degli umbri infatti be cinque volte ha chiuso il match senza gol al passivo. Ciò a testimonianza di una fase difensiva quasi perfetta grazie alla quale il Perugia occupa con merito una delle prime posizioni della classifica di B. Il merito è da ascrivere in gran parte al suo condottiero, Massimiliano Alvini, giunto sulla panchina perugina con una voglia matta di prendersi la rivincita dopo le tante amarezze vissute nella passata stagione alla guida della Reggiana, ritornata mestamente in serie C.

Alle 14 Lecce-Perugia

A proposito, al solo pensiero di dover affrontare nuovamente il Lecce, per giunta in terra salentina, probabilmente il tecnico 51enne di Fucecchio avrà trascorso una settimana un po’ agitata nel ricordo della valanga di reti incassate lo scorso anno dalla reggiana nelle due sfide contro la squadra giallorossa: 7 all’andata al Via del Mare e altre 4 nella gara di ritorno in Emilia. Un saldo di 11 reti al passivo e di queste ben 5 realizzate dal bomber giallorosso, Massimo Coda, che oggi proverà nuovamente a rendere amaro il weekend salentino di mister Alvini. In tal senso, i compagni di reparto, Gabriel Strefezza e Francesco Di Mariano, sono pronti a supportarlo così come stanno facendo ormai da settimane.

Le scelte del tecnico Baroni

Nessun dubbio per Baroni sul trio d’attacco, che sarà confermato in blocco, stesso discorso per la linea difensiva dove il tecnico fiorentino si affiderà nuovamente a Lucioni e Tuia centrali con Gendrey e Barreca sulle corsie laterali. L’unico dubbio riguarda il centrocampo: Hjulmand e il tuttofare Gargiulo sono inamovibili, resta da stabilire soltanto chi occuperà la terza casella tra Bjorkengren, Blin e Majer (Helgason è infortunato), elementi con caratteristiche differenti ma comunque pronti ad adattarsi per soddisfare le richieste dell’allenatore. Il Perugia dal canto suo è arrivato nel Salento senza Burrai e Lisi e con qualche dubbio un po’ in tutti i reparti legato alle non perfette condizioni fisiche di alcuni elementi della rosa. Non è da escludere ad esempio il ritorno in campo dal primo minuto del gallipolino Mirko Carretta, abituato ad accendersi ogni qualvolta incontra il Lecce. C’è an he un ballottaggio in difesa tra Curado, Sgarbi e l’intramontabile Rosi. Fischio d’inizio fissato per le ore 14 e affidato all’arbitro Giua della sezione di Olbia.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA