Baroni promuove Rodriguez: "Anche esterno alto a destra può far bene. Pablo ha grandi qualità"

Marco Baroni, allenatore del Lecce
Marco Baroni, allenatore del Lecce
di Lino DE LORENZIS
3 Minuti di Lettura
Domenica 18 Luglio 2021, 05:00

Si può essere soddisfatti al termine della prima uscita ufficiale della nuova stagione. Marco Baroni, all’esordio sulla panchina del Lecce, ha avuto modo si prendere appunti sul suo taccuino tra note positive e altre un po’ meno sulle quali già da questo pomeriggio si continuerà a lavorare per cercare di migliorare giorno dopo giorno. Perché, vale la pena ricordare, il Lecce oltre a cambiare la guida tecnica, nel corso di questa estate sta cambiando anche pelle con l’arrivo di tanti nuovi calciatori, in gran parte dall’estero. E altri arriveranno nei prossimi giorni. Ci vorrà tempo per diventare squadra. Ciononostante, il primo bilancio è sicuramente positivo come sottolinea lo stesso tecnico fiorentino. «Al di là del numero delle reti realizzate - ha detto Baroni nel post-partita - era importante per i miei ragazzi prendere la partita nella maniera giusta. Che significa con impegno, con voglia. Conso il Sinigo abbiamo fatto delle cose buone, c’è stata una discreta intensità nonostante l’avversario non fosse di grande livello e quindi abbiamo fatto quello che dovevamo fare. Dopo lo sforzo prodotto sul campo, abbiamo compensato alla fine proponendo un lavoro metabolico. Per questo a parer mio la seduta è andata molto bene».

Zero infortuni

Baroni può tirare un sospiro di sollievo anche perché l’infermeria è rimasta vuota... «È vero, per fortuna non ci sono stati infortuni e sapete benissimo quanto sia delicata questa fase della stagione in cui i carichi di lavoro sono alti, di conseguenza superare queste uscite anche dal punto di vista sanitario con tutti i ragazzi a posto è un risultato positivo». I soli Listkowski e Zuta non hanno parecipato al test contro i dilettanti del Sinigo ma Baroni tranquillizza tutti. «I ragazzi non sono stati utilizzati soltanto a scopo preventivo visto che in precedenza avevano accusato un leggero affaticamento muscolare. Io non voglio mai rischiare, non voglio perdere calciatori in questa fase della stagione perché sarebbe un vero peccato. Con lo staff stiamo molto attenti a questi aspetti e per questo abbiamo deciso di comue accordo di far lavorare a parte sia Listkowski che Zuta».

Pablito, nuovo ruolo

La prima gara ufficiale della stagione sportiva 2021-2022 ha riservato anche una sorpresa di natura tattica, ovvero l’impiego delo spagnolo Rodriguez sull’out destro del tridente d’attacco. «Non si è trattato di un esperimento - assicura Baroni -, è qualcosa che abbiamo già provato in allenamento. Voglio conoscere sempre di più questo ragazzo anche se conosco abbastanza bene le sue attitudini. In questa prima uscita ho visto una buona partecipazione da parte sua nell’interpretare questo ruolo. Quindi, ci lavoreremo sicuramente perché è un giocatore che ha delle qualità importanti. Certamente, deve crescere e noi gli daremo opportunità e spazio». Mister Baroni promuove anche gli ultimi arrivati in casa giallorossa. «Il giudizio è positivo su tutti. In particolare, Blin è un ragazzo abituato al lavoro mentre Bjarnason probabilmente ha pagato un po’ di più i cambi di metodologia di lavoro, l’intensità, i nostri ritmi. Però è un ragazzo che non molla, è solido, e questi sono buoni presupposti per crescere».

© RIPRODUZIONE RISERVATA