Gioy Rielli: "Che emozione cantare l'inno del Lecce al Via del Mare dopo 24 anni"

Gioy Rielli, autore dell'inno ufficiale del Lecce
Gioy Rielli, autore dell'inno ufficiale del Lecce
di Lino DE LORENZIS
2 Minuti di Lettura
Giovedì 23 Maggio 2024, 05:00
A distanza di 24 anni dalla prima esibizione davanti ai tifosi giallorossi, sabato scorso Gioy Rielli è tornato a cantare l’inno ufficiale del Lecce al Via del Mare. «È stata un’emozione fortissima, più forte anche di quella del 2000 quando, per la prima volta, presentai la canzone al pubblico salentino, nel nostro stadio - racconta Rielli -. In quella occasione fu tutto molto più semplice per me, non sentivo la pressione che invece ho avvertito sabato scorso quando lo speaker ha annunciato la mia esibizione nel pre-partita della gara con l’Atalanta. È stato fantastico per me cantare “Giallorossi per sempre” accompagnato da un coro d’eccezione, i trentamila spettatori del Via del Mare. Tutti conoscono il testo dell’inno, per me è sicuramente motivo di orgoglio. Ringrazio la società per avermi dato questa grande opportunità e spero di non dover attendere altri 24 anni prima di poter cantare nuovamente l’inno sul prato verde del nostro meraviglioso stadio».
«Come è nata l’idea di scrivere “Giallorossi per sempre”? È presto detto - dice Gioy Rielli, originario di Trepuzzi e leccese d’adozione che negli ultimi anni ha vissuto tra Roma e Milano per motivi professionali (è impegnato nel mondo del cinema e della moda, ha lavorato anche con Sylvester Stallone in Daylight - Trappola nel tunnel, film diretto da Rob Cohen, ndr) -. All’epoca giocavamo spesso a calcetto con alcuni rappresentanti del Lecce Calcio, compreso l’amministratore delegato Fenucci. In occasione di una delle nostre tradizionali sfide settimanali fu proprio Claudio, che sapeva della mia grande passione per il canto, a lanciare l’idea: “Gioy, perché non scrivi l’inno del Lecce?”. Non ci pensai due volte e mi misi subito al lavoro. Dopo aver prodotto qualche promo qui a Lecce, Fenucci mi diede il via libera per la realizzazione dell’inno. Mi recai quindi a Bologna, nello studio di Robert Sidoli, uno degli arrangiatori di Lucio Dalla. Grazie al suo prezioso contributo realizzammo il promo definitivo che piacque molto a tutti. “Va bene, sarà il nostro inno ufficiale” disse Fenucci. Mi occupai io stesso della realizzazione dei cd e, come detto, nel 2000, per la prima volta cantai “Giallorossi per sempre” al Via del Mare in coppia con Cecilia Gayle». Ora Gioy Rielli ha deciso di portare “Giallorossi per sempre” nelle piazze salentine. «È proprio così - conferma il cantante leccese -. Nel corso dell’estate mi esibirò in alcuni comuni del territorio grazie alla collaborazione delle amministrazioni comunali, che ringrazio di cuore. Sarà bellissimo per me portare l’inno del Lecce nelle principali piazze della Penisola salentina».
© RIPRODUZIONE RISERVATA