Il Lecce a caccia del pokerissimo: al Via del Mare la sfida col Venezia a partire dalle 14

Sabato 5 Dicembre 2020 di Lino DE LORENZIS

L'obiettivo è di quelli importanti. Dopo aver battuto Pescara, Virtus Entella, Reggiana e Chievo Verona, oggi il Lecce di mister Corini può eguagliare il record di cinque vittorie consecutive in serie B stabilito da due illustri predecessori sulla panchina giallorossa, Gianpiero Ventura e Giuseppe Papadopulo. Certo, ci vorrà una grande prestazione per rimandare a casa a mani vuote il Venezia, protagonista fino a questo momento di un campionato con i fiocchi. I lagunari infatti hanno conquistato 17 punti, frutto di 5 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte.

La squadra di mister Zanetti arriva nel Salento in un momento di forma straordinaria come testimonia anche la vittoria in rimonta ottenuta nell'ultimo turno contro l'Ascoli. Si annuncia dunque una sfida spettacolare oggi pomeriggio, alle ore 14, sul green dello stadio Via del Mare con due grandi protagonisti pronti a conquistare nuovamente la scena. Da una parte, Massimo Coda, centravanti del Lecce e capocannoniere della serie B con 7 reti; dall'altra, il vice capocannoniere Francesco Forte, bomber del Venezia, autore di 6 reti. Coda dovrà fare gli straordinari per bucare la difesa arancioneroverde considerato che uno dei punti di forza dei lagunari è proprio la fase difensiva. Il portiere Lezzerini nelle prime nove giornate di campionato ha incassato appena 7 reti. Solo Monza e Chievo hanno fatto meglio. La difesa di ferro del Venezia dovrà comunque fare i conti con la squadra che segna di più in serie B: il Lecce fin qui ha già messo a segno 22 reti, di queste ben 18 nelle ultime quattro partite. Le ultime due venerdì scorso nel big match contro il Chievo che prima di affrontare i salentini aveva invassato soltanto 4 reti.

Purtroppo, nemmeno oggi Eugenio Corini potrà disporre dell'organico al completo visto che all'appello mancano gli indisponibili Calderoni e Felici oltre ai non convocati Rodriguez, Dubickas, Lo Faso, Pierno e Borbei. In compenso il tecnico bresciano si consola con il rientro in gruppo di elementi di spicco come Dermaku, Rossettini e Bjorkengren. Alla luce della defezione di Calderoni, toccherà quasi certamente al macedone Zuta giocare sull'out sinistro difensivo anche se le sue recenti apparizioni sono state insoddisfacenti. Per il resto, Corini dovrebbe riconfermare in blocco la formazione schierata nelle ultime quattro partite di campionato. Quindi, Gabriel tra i pali (ha recuperato), Adjapong, Lucioni, Meccariello e Zuta sulla linea difensiva; in mezzo al campo Tachtsidis in cabina di regia supportato ai lati da Paganini e da Henderson; quindi, Mancosu alle spalle delle punte Coda e Stepinski. Tra gli ospiti, assente uno dei tre ex, Di Mariano, mentre ci saranno Fiordilino e Marino.

Ultimo aggiornamento: 14:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA