Il Brindisi verso una cordata di imprenditori della Capitale

Il Brindisi verso una cordata di imprenditori della Capitale
2 Minuti di Lettura
Sabato 1 Giugno 2024, 18:48
Nuove speranze per il Brindisi calcio. Nei giorni scorsi, infatti, ci sarebbero stati dei passi in avanti nelle trattative tra la famiglia Arigliano e il gruppo di imprenditori romani: le interlocuzioni tra le parti, cominciate ormai da oltre un mese, avrebbero preso consistenza all’inizio della settimana alimentando le possibilità di chiusura nei tempi idonei alla presentazione della domanda di iscrizione alla prossima Serie D. Si parla, per intenderci, del 10 luglio (scadenza per ottemperare a tutti gli adempimenti federali) e del 12 luglio, termine ultimo per inviare la documentazione necessaria in Lega. Un’accelerata importante, insomma, frutto delle date perentorie da rispettare e, inoltre, dell’interessamento manifestato dalla cordata capitolina nei confronti del sodalizio di via Benedetto Brin. È ancora presto, però, per parlare di closing. La palla, infatti, resta nelle mani dell’attuale proprietà biancazzurra che continua a valutare ogni proposta sul piatto prima di annunciare la decisione definitiva. In ballo, come noto, c’è la salvezza del titolo sportivo, vera priorità per il capoluogo adriatico che vorrebbe scongiurare con ogni mezzo possibile l’ipotesi di un ennesimo fallimento. È questo il reale timore di tutti gli appassionati della maglia con la V che vivono con il fiato sospeso quelle che, inevitabilmente, sono ore caldissime per il futuro del calcio a Brindisi. L’unica certezza, al momento, è che la pista romana continua a prendere quota. I contatti si intensificano, il tempo non è illimitato: a breve, dunque, potrebbero arrivare le prime novità.
© RIPRODUZIONE RISERVATA