Brindisi, crescita continua: quattro giocatori in azzurro

Giovedì 11 Novembre 2021 di Antonio RODI

Gaspardo, Zanelli, Udom e Visconti sono oggi l’asso portante della nuova Happy Casa Brindisi nata dal mercato estivo, la continuità con la squadra della passata stagione. A fronte della rivoluzione totale sul fronte americano (Nick Perkins unico riconfermato), Brindisi ha saputo tenersi stretto il “quartetto italiano” che, di fatto, è diventato parte fondamentale del nuovo corso. Adesso per tutti e quattro arriva anche la convocazione nella nazionale italiana, quanto basta a certificare (se mai ce ne fosse stato ancora bisogno) il loro stato di grazia. Nella giornata di ieri, infatti, il ct Meo Sacchetti ha diramato la long list di 24 giocatori, da cui sceglierà i 16 giocatori che si ritroveranno lunedì 22 novembre al Centro di Preparazione Olimpica dell’Acqua Acetosa di Roma in vista dell’inizio del percorso verso la FIBA World Cup 2023, la competizione attraverso cui sperare di accedere ai Giochi Olimpici di Parigi 2024. Le prime due sfide saranno contro la Russia (venerdì 26 novembre, ore 17.00 italiane a San Pietroburgo) e contro i Paesi Bassi (lunedì 29 novembre, ore 20.30 al Mediolanum Forum di Assago a Milano).

La crescita e le prestazioni

Esponenziale quella di Raphael Gaspardo vertiginosa quella di Zanelli, Udom e Visconti. Tutti e tre oramai più di semplici secondi linee. Brindisi oggi vince, convince e diverte anche, e soprattutto, grazie a loro. Se la formazione pugliese si ritrova (in solitaria) sul secondo gradino della classifica il merito è anche loro. Dopo la rivoluzione estiva, staff tecnico e dirigenziale hanno puntato grande parte delle fiches proprio sui loro “italiani”. È stato il primo passo compiuto su cui poi è stato incasellato e incastonato il resto del roster. Ebbene, la risposta non si è fatta certo attendere, è stata immediata, a dir poco convincente. Tutti e quattro hanno sfornato una dopo l’altra prestazioni di altissimo livello, diventando immediatamente protagonisti, giocatori determinanti nello scacchiare di Frank Vitucci. Un valore aggiunto che finora ha fatto le fortune di una Happy Casa capace di ritagliarsi un ruolo di prim’ordine nel massimo campionato italiano.


Una squadra capace di conquistare per la qualità e l’efficacia del gioco espresso: seconda per punti segnati (86,9) e per assist (20,1), terza per valutazione (98,0) ma, soprattutto, terribile dalla distanza, diventando la migliore del campionato (11,6 triple di media a partita con il 44,8%).  Raphael Gaspardo (“miglior giocatore” e “miglior italiano” della 7ª giornata), nel suo ruolo di “3” tattico, sta giocando come mai aveva fatto prima. Le cifre sono eloquenti: 14 punti di media tirando con il 61% da 2 e il 50% da tre, con due exploit da 29 (contro Sassari) e 27 punti (domenica scorsa a Varese). Alessandro Zanelli (8,5 punti con il 52,6% dalla distanza, 3,8 assist e 12,8 di valutazione complessiva e carrier high da 18 punti contro la Fortitudo Bologna), Mattia Udom (6,6 punti con il 61,1% da 2 e il 35,3% da 3, oltre a 4,7 rimbalzi catturati) e Riccardo Visconti (6,2 punti con il 62,5% dalla media e il 34,8% con tirando con i piedi dietro l’arco in poco più di 17 minuti e mezzo di utilizzo) meritano una menzione altrettanto importante. Sono un pezzo portante, rilevante ed efficace di una squadra lanciata a mille, che splende (per l’ennesima volta) nel massimo panorama della palla a spicchi nazionale. Se oggi Brindisi sogna ad occhi aperti il merito è anche loro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA