Calciatore grave dopo la gomitata in campo, dimesso. Aradeo e Otranto: «Riprendere la partita dal minuto in cui è stata sospesa»

Calciatore grave dopo la gomitata in campo, dimesso. Aradeo e Otranto: «Riprendere la partita dal minuto in cui è stata sospesa»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 23 Gennaio 2023, 13:35 - Ultimo aggiornamento: 16:44

Riprendere la partita dal minuto in cui è stata sospesa a seguito della gomitata. E' la richiesta congiunta delle due società, Giallorossi Aradeo e Città di Otranto dopo la sospensione del match di ieri - 22 gennaio - per il campionato Under 17 regionale.

La posizione delle società

«Le nostre società, Asd Giallorossi Aradeo e Asd Città di Otranto, legate da vincoli di amicizia e rispetto radicate nel tempo, ribadiscono all’unisono come il rispetto delle regole e la sportività in campo e fuori sono gli obiettivi che più ci stanno a cuore, ben oltre i risultati sportivi cui pure aspiriamo», dichiarano all’unisono Salvatore Tundo, responsabile del settore giovanile giallorosso, e Tonino Ruggeri, responsabile del settore giovanile della compagine adriatica a 24 ore dall’increscioso episodio avvenuto domenica mattina sul terreno di gioco dello “Spina” durante la gara valevole per il campionato regionale Allievi.

Cosa è successo

A seguito di un semplice fallo di gioco e di un parapiglia successivo, un calciatore di casa è caduto a terra privo di sensi, probabilmente colpito da un avversario alla nuca. L’immediato intervento dei sanitari delle due formazioni e quello successivo del 118 ha evitato guai più seri. Il ragazzo è tornato a casa già ieri, dopo gli accertamenti del caso effettuati al “Vito Fazzi” di Lecce.

«Tutti i ragazzi hanno avuto un comportamento esemplare»

«Nostro malgrado, ci siamo trovati al centro di una situazione incresciosa, sulla quale si è innestata la polemica e la caccia al colpevole – sottolinea Tundo – ma dobbiamo innanzitutto sottolineare come in quei momenti particolari tutti i ragazzi hanno mantenuto un comportamento esemplare che tanto deve insegnare anche a noi. Del resto, a fine gara, ci siamo stretti la mano coi dirigenti dell’Otranto e chiuso la questione, contenti del fatto che il ragazzo non abbia fortunatamente riportato conseguenze gravi. Quanto accaduto – conclude Salvatore Tundo - ci porterà a insistere su quelli che sono i dettami imprescindibili della nostra azione sociale che mettiamo in pratica attraverso lo sport».

La posizione di Ruggeri

Accanto a quelle del presidente dei Giallorossi Aradeo, arrivano le dichiarazioni del responsabile del vivaio del Città di Otranto, Tonino Ruggeri: «Quello che ci è stato più a cuore dal primo momento è stato lo stato di salute del ragazzo. Siamo del resto impegnati a ricostruire quanto avvenuto sul campo e, nel momento in cui saranno accertate eventuali e inequivocabili responsabilità idi un nostro atleta, non esiteremo a prendere le doverose decisioni. Giornalmente – dice il dirigente idruntino – siamo impegnati a inculcare nei nostri ragazzi il rispetto delle regole. E già nelle prossime ore inizieremo a convocare i quadri tecnici delle nostre compagini giovanili per ribadire – la conclusione – quali siano i principi fondanti della nostra idea di sport».

© RIPRODUZIONE RISERVATA