De Giorgi torna in Puglia: «La gioventù va valorizzata. Il merito è dei miei ragazzi»

De Giorgi torna in Puglia: «La gioventù va valorizzata. Il merito è dei miei ragazzi»
di Domenico BARI
2 Minuti di Lettura
Lunedì 12 Settembre 2022, 21:49 - Ultimo aggiornamento: 13 Settembre, 06:59

È arrivato all’aeroporto di Bari tra gli applausi, Fefè De Giorgi, con Giuseppe Manfredi e Vincenzo Fanizza, dopo la vittoria dell'Italia ai Mondiali di pallavolo in Slovenia e Polonia.  «L’impresa è stata fatta dai ragazzi», ha commentato a caldo. Perchè? «Hanno dimostrato che la gioventù non è un difetto, anzi è un pregio da valorizzare». La prima cosa da fare adesso? «Riposare un po’, ora finalmente vado a casa. Ma io avrò più tempo per rilassarmi, i miei giocatori tra poco iniziano i campionati».

Sempre calmo? Ecco perché

In panchina è sempre calmo? Spiega così questa virtù: «È quello che serve ai ragazzi, perché loro sono esuberanti». Fefè elogio della normalità, se per normalità si intende coraggio e capacità di credere nei giovani. Un messaggio per tutti gli sport, «un messaggio forte direi», si lascia scappare. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA