Capitan Lucioni ospite in redazione: «Pisa? Siamo pronti. Il Salento ci accompagna per l'impresa». Il video

Capitan Lucioni ospite in redazione: «Pisa? Siamo pronti. Il Salento ci accompagna per l'impresa». Il video
3 Minuti di Lettura
Giovedì 21 Aprile 2022, 16:55 - Ultimo aggiornamento: 22 Aprile, 10:20

La corsa del U.S. Lecce verso la serie A, il match clou con il Pisa, l'attesa e l'entusiasmo dei tifosi, il momento dei giallorossi: Fabio Lucioni, capitano della squadra allenata da Baroni, ospite di Nuovo Quotidiano di Puglia.

Il video dell'intervista realizzata dal direttore Rosario Tornesello e da Lino De Lorenzis.

Le dichiarazioni di Fabio Lucioni

Lucioni guarda già alla partita con il Pisa: «Siamo già pronti. Abbiamo iniziato a preparare la partita già da tempo e continueremo a farlo al meglio». Ventimila biglietti venduti, il capitano carica: «Qui a Lecce ho vissuto il periodo in cui non si poteva entrare allo stadio e quello in cui lo stadio era sempre pieno. I tifosi sono davvero il nostro dodicesimo uomo. Noi cerchiamo di dare sempre il massimo, anche nelle partite storte. Questo gruppo non molla mai, questo lo dico e ci metto la faccia». Un gruppo sereno, pronto all'impresa: «I ragazzi sono tranquilli, alle spalle hanno già quelle gare necessarie per far sì che siano pronti lunedì sera. Sono tranquilli perché hanno dalla loro la freschezza e la gioventù. Ho detto l'altro giorno: non fasciatevi la testa. Non si possono vincere 38 partite, ci sta, può capitare di scivolare, di cadere. L'importante è rialzarsi. Questo gruppo l'ha fatto con determinazione e voglia di riscattarsi. E poi alla vigilia di questo campionato, nessuno avrebbe pensato a noi con 65 punti, a tre partite dalla fine, e così in lotta per la A».

«Per vincere il campionato darei tanto - risponde Lucioni a domanda precisa -. Cosa? Non è solo una questione materiale. Ma qui mi avete fatto sentire, quando sono arrivato da squalificato, subito a casa e la mia famiglia qui è stata benissimo. A Lecce si vive divinamente e questa è stata una stagione bellissima, non solo perché siamo lassù ma perché è bello stare assieme a questi ragazzi, condividere gioie e dolori, vederli crescere e cercare di dargli quei consigli per far sì che magari non commettano gli errori che abbiamo già commesso noi. Darei tanto per tornare in A con il Lecce, questa piazza merita la Serie A. La società è ambiziosa, ci tiene tanto a crescere».

L'intervista completa domani sul Nuovo Quotidiano di Puglia

© RIPRODUZIONE RISERVATA