Basket, «Al lavoro per riportare Brindisi nella massima serie», l'Happy Casa riparte da Bucchi

Basket, «Al lavoro per riportare Brindisi nella massima serie», l'Happy Casa riparte da Bucchi
di Antonio RODI
2 Minuti di Lettura
Sabato 18 Maggio 2024, 18:22

Smaltita la delusione per la retrocessione in A2, la Happy Casa Brindisi non ha perso tempo riportando sulle sponde dell’adriatico coach Piero Bucchi che proprio tredici anni fa era stato chiamato al capezzale della squadra che anche in quella circostanza era fresca di retrocessione dalla massima serie.
Oggi come allora il club biancazzurro non ha perso tempo, ha cercato di non farsi trovare impreparato, decidendo di affidarsi a chi quest’ambiente lo conosce molto bene per esserne stato protagonista per ben cinque stagioni (dal 2011/20212 al 2015/2016).
«Grazie per l’accoglienza, e davvero molto bello rivedervi», esordisce nel corso della sua presentazione nella sala stampa del PalaPentassuglia.


Una sala stampa ridondante di passione e di entusiasmo da parte di quei tifosi (e non erano certo pochi) che hanno voluto dirgli “bentornato” accogliendolo con un lunghissimo e caloroso applauso. A testimoniare l’indissolubile legame che lega i tifosi della “Stella del Sud” all’allenatore bolognese.
«E’ un piacere tornare qui a Brindisi - ha ribadito - non vedo l’ora di cominciare a lavorare per riportare questo club laddove gli compete per storia, passione e tradizione, ovvero al piano superiore della massima serie.

Non sarà facile ma è una sfida molto affascinante, che dobbiamo portare avanti tutti insieme».

© RIPRODUZIONE RISERVATA