Il Brindisi con la testa all'esordio in Champions League: domani la sfida contro l'Hapoel Holon

Martedì 5 Ottobre 2021 di Antonio RODI
Josh Perkins

La Happy Casa si appresta ad affrontare la sua terza partecipazione consecutiva nella Basketball Champions League. L’esordio nell’edizione 2021/2022 della manifestazione continentale è fissato per domani sera (palla a due ore 20,30), quando sui legni del PalaPentassugulia i biancazzurri di coach Frank Vitucci sfideranno gli israeliani dell’Hapoel Holon, formazione questa già incontrata nella passata stagione nel corso della fase a gironi dei playoff, uscendo sconfitta sia nel match d’andata che in quello di ritorno (di fatto furono due sconfitte che pregiudicarono l’accesso alla Final Eight).

Percorso a ostacoli

Brindisi è inserita nel gruppo G della regular season e dopo l’esordio di domani con l’Hapoel di coach Maurizio Buscaglia, tornerà a solcare i legni dell’impianto di contrada Masseriola lunedì 18 ottobre contro la formazione romena del Cluj (uscita vincente del “Qualification Round” ) nel “Game of the Week” che rappresenta la novità della stagione europea introducendo eccezionalmente di lunedì la partita più importante della giornata di BCL (il “Monday night” avrà la massima visibilità sui canali ufficiali della Basketball Champions League).
Il girone d’andata dei biancazzurri si chiuderà in Turchia il 3 novembre in casa del Darussafaka (altra squadra incontrata nella scorsa edizione, ma durante la prima fase) mentre quello di ritorno si aprirà mercoledì 8 dicembre con la sfida interna contro il Darussafaka (ore 20,30) per poi proseguire martedì 15 (ore 20,00) sul campo della vincente del Cluji e chiudersi mercoledì 22 dicembre (alle 18,00) in Israele al cospetto dell’Hapoel Holon.
La squadra pugliese torna così a respirare l’aria della BCL dopo le precedenti due esperienze. Competizione, la Champions League, nella quale la squadra allenata da Frank Vitucci vuole fare bene, nonostante una navigazione che si presenta complessa stante il valore degli avversari che troverà sul cammino (a cominciare proprio dall’Hapoel Holon tra le cui fila milita Joe Ragland, visto in Italia nel 2014/2015 e nel 2019/2020 rispettivamente con le maglie di Milano e di Cantù).

Sulle ali dell'entusiasmo

E alla prima europea della stagione 2021/2022 la Happy Casa ci arriva portandosi dietro l’entusiasmo per la vittoria (più che meritata e, perché no, pure convincente) ottenuta sabato contro il Banco di Sardegna Sassari nella quale la squadra di coach Frank Vitucci ha avuto ottime percentuali al tiro, superando il 50% totale dal campo (53,4%), grazie al 16/30 da due punti e al 15/28 dalla lunga distanza (l’ottima prestazione è stata poi completata dal 12/13 ai liberi). Quella di sabato è stata soprattuto la serata di Raphael Gaspardo, MVP della gara con i suoi 29 punti in 28 minuti di gioco e il 91,7% totale dal campo (11/12 totale al tiro, con 7/8 dall’arco dei tre punti).
Come giocatore italiano, soltanto Riccardo Moraschini aveva fatto meglio nella storia del club, con i 30 punti segnati nella gara contro Trieste nella stagione 2018/2019 mentre il record assoluto della società appartiene sempre a Jonathan Gibson (34 puti segnati nel 2012/2013) Inoltre per Gaspardo è il record personale di punti in Serie A: in precedenza aveva segnato 25 punti, sempre con la maglia di Brindisi, la scorsa stagione alla 19ª giornata contro Treviso. Sono anche record personale le 7 triple realizzate in una gara e il 34 di valutazione complessiva (soltanto altri 4 giocatori hanno segnato sette triple in una partita con la maglia di Brindisi oltre a Gaspardo: Nic Moore nel 2016/2017), Jerome Dyson nella stagione 2013/2014), Marcus Denmon nell’annata 2014/2015) e Jonathan Gibson nel 2012/2013).


© RIPRODUZIONE RISERVATA