Il leccese Antonio Conte nella "Hall of Fame" del calcio italiano. Sarà premiato a maggio con il maestro Carletto Mazzone

Antonio Conte, allenatore del Tottenham
Antonio Conte, allenatore del Tottenham
di Lino DE LORENZIS
4 Minuti di Lettura
Martedì 22 Marzo 2022, 12:43 - Ultimo aggiornamento: 23 Marzo, 08:09

Dopo Sacchi, Trapattoni, Lippi e Mancini, il tecnico leccese Antonio Conte, 52 anni, attuale allenatore del Tottenham, è il quinto ex cittì azzurro ad entrare nella categoria 'Allenatore' della Hall of Fame del calcio italiano, ennesimo riconoscimento ad una carriera nata e proseguita sotto il segno del successo. Un ritorno in famiglia per un tecnico carismatico che in azzurro ha raccolto vittorie sia in campo che in panchina. «Per me - ha detto Conte - questo premio è sicuramente motivo di orgoglio, una grande soddisfazione. Significa affiancare personaggi che hanno fatto la storia del nostro calcio».

Conte-Corvino, affetto a distanza. Il direttore sportivo replica alla citazione: «Gli sono molto legato»

La premiazione con il Maestro

A maggio, quando si celebreranno due edizioni della Hall of Fame a causa del rinvio dello scorso anno per il Covid, sarà premiato insieme a Carlo Mazzone, che a Lecce lo lanciò definitivamente dopo l’esordio con Fascetti. «Ho sempre detto che nella mia carriera ho avuto la fortuna di avere allenatori che hanno vinto tanto, come Trapattoni, Sacchi, Ancelotti e Zoff. Ma al tempo stesso ho sempre ricordato due allenatori per me fondamentali, uno è Fascetti e l’altro proprio Mazzone. Sono stati loro due a forgiarmi nel momento più importante della carriera di un calciatore, quando sei giovane e hai bisogno di bastone e carota. Non finirò mai di ringraziare queste due persone, sono stati entrambi fondamentali per diventare quello che sono diventato».

Antonio Conte cita Pantaleo Corvino: «Puoi sbagliare la moglie ma...» - VIDEO

La Giuria della Hall of Fame ha scelto di premiare Conte come allenatore, ma avrebbe potuto tranquillamente essere inserito nella categoria 'Giocatori' visti gli innumerevoli trofei nella sua bacheca. “Penso – spiega Conte - che alla fine il riconoscimento sia stato dato considerando entrambe le mie carriere, sia quella di calciatore che quella da allenatore, anche perché in tutti e due i casi ho avuto un percorso importante, con la fortuna e la bravura di vincere praticamente tutto quello che c’era da vincere. Purtroppo è mancato solo qualcosa con la Nazionale, considerando che sono stato vice campione del mondo e d’Europa. Da allenatore sto cercando di ripercorrere lo stesso percorso importante".

La carriera

Cinque scudetti vinti, oltre ai trofei internazionali quali la Coppa UEFA, la Champions League e la Coppa Intertoto, vicecampione del mondo nel 1994 e vicecampione d'Europa nel 2000 con la maglia azzurra la sua carriera da calciatore. Nelle vesti di allenatore ha raggiunto due promozioni in serie A sulla panchina del Bari e su quella del Siena, con la Juve tra il 2011 e il 2014 si è confermato campione d'Italia per tre stagioni consecutive, oltre ad avere vinto due Supercoppe italiane; quindi con il Chelsea ha trionfato nella Premier League e nella FA Cup e con l’Inter si è laureato campione d'Italia. Ma non dimentichiamo i due anni da cittì sulla panchina azzurra, quando ha guidato l’Italia fino ai Quarti di finale del Campionato Europeo 2016.

© RIPRODUZIONE RISERVATA