Al sindaco il titolo della Virtus Matino. La nota di Costantino: "Mi metto da parte"

Al sindaco il titolo della Virtus Matino. La nota di Costantino: "Mi metto da parte"
3 Minuti di Lettura
Martedì 28 Giugno 2022, 20:28

Dopo anni di successi che hanno riportato il Matino in serie D, categoria dove negli anni 90 era di casa, la presidente Cristina Costantino fa un passo indietro e affida il titolo sportivo della squadra di calcio al sindaco della città. In una lunga lettera Costantino spiega le sue motivazioni. "Egregio Sindaco, con la presente la sottoscritta Cristina Costantino, nella qualità di Presidente della squadra di calcio A.S.D. Polisportiva Virtus Matino, con grande amarezza Vi comunica la propria intenzione di consegnare il titolo sportivo nelle Vostre mani in quanto da parte di questa amministrazione non è giunto il giusto sostegno che ci era stato garantito e, a fronte delle promesse, poi disattese, nel campionato appena trascorso si sono infranti tutti i sacrifici profusi dalla sottoscritta e da tutte le persone che mi sono state vicine, in questi ultimi cinque anni, mettendomi di fronte a questa dolorosa scelta di consegnare il titolo sportivo nelle mani deLl'Amministrazione Comunale".

"Il prossimo campionato cui dovrebbe prendere parte I' A.S.D. Polisportiva Virtus Matino, dopo l'amara retrocessione dal campionato di Serie D, è quello di Eccellenza Pugliese per il quale, intanto, incombe l’iscrizione la cui scadenza avrà come giorno ultimo utile quello del 22 luglio. Ad oggi, nonostante i vari incontri e rassicurazioni verbali, non si ha una data certa per il termine dei Lavori del campo sportivo la cui indisponibilità e inutilizzabilità, per noi e per tutte le società di calcio di Matino, significherebbe non poter neppure pensare di iniziare a programmare un futuro. Lei lo sa, nell'ultimo anno,e non solo, l'A.S.D. La Polisportiva Virtus Matino ha dovuto peregrinare in vari campi della provincia sopportando importanti costi di affitto, parte dei quali devono ancora essere onorati. Spero, vivamente, che tutti i sacrifici fatti fino ad ora, per tenere alti i valori della squadra del Matino, che è un bene della città, non vadano vanificati e che questa Amministrazione, nella Sua persona, riesca a trovare una soluzione, coinvolgendo anche gli imprenditori locali, per non fare spegnere i colori bianco/azzurro. Oggi, per il bene del Mio Matino, mi metto da parte e metto da parte anche i "risentimenti“ per le mancate promesse e per gli aiuti che non sono mai giunti concretamente. Ritengo che un amministratore abbia I’obbligo, quantomeno morale, di ricercare una soluzione per salvare la squadra di calcio che appartiene "alla città di Matino" . Ad oggi, purtroppo, non sussistono le condizioni per fare continuare questo sogno, in quanto non c'è uno stadio, manca l’interesse dell'amministrazione e dell'imprenditoria locale, di cui ho necessità, per traghettare "la nostra squadra" verso migliori traguardi".

© RIPRODUZIONE RISERVATA