Roma-Lecce, le pagelle: Abraham sempre decisivo, Perez fumoso

Giovedì 20 Gennaio 2022 di Francesco Balzani

Roma-Lecce di coppa Italia, le pagelle

 

RUI PATRICIO 6 Non si aspettava la Taranta a inizio partita. Poi la serata scorre tranquilla

KARSDORP 6 Di Mariano lo coglie spesso con la testa tra le nuvole. Nella ripresa si sveglia

KUMBULLA 6,5 Un gol di personalità che cancella qualche ballo di troppo dietro

IBANEZ 6 Primo tempo alla Roger contro le big: impaurito e nervoso. Nella ripresa fa calare i battiti e le cose vanno molto meglio

MAITLAND-NILES 4,5 Fase difensiva disastrosa come dimostra il buco sul gol di Calabresi. Maggiore fermezza quando c’è da spingere, ma nemmeno troppa. Paga pure il cambio di fascia (1’st Vina 6: leggermente meglio, non ci voleva molto)

VERETOUT 5 Il fumo di Londra gli entra negli occhi e gli oscura la vista sia quando c’è da concludere verso la porta sia quando c’è da dare una mano in copertura (1’st Zaniolo 7: entra col fuoco dentro: palo, assist, un rosso procurato e un senso di potenza)

CRISTANTE 6 Centralmente il Lecce trova fori e fragilità. Poi gli si affianca Oliveira e ritrova serenità

FELIX 5,5 Esuberante, attento nei movimenti in profondità. Quando però arriva il momento di essere lucidi va in difficoltà. Ancora acerbo (18’st Shomurodov : finalmente un bel gol, e tanta freddezza per l’uzbeko)

OLIVEIRA 6 Accende le sinapsi del gioco offensivo della Roma fornendo due assist e battendo l’angolo dal quale nasce il gol di Kumbulla. Nella ripresa fa un passo indietro, in tutti i sensi

PEREZ 4,5 Fumoso, arruffone. Un motivetto già ascoltato che somiglia tanto a quelle canzoni estive che fanno rima con selfie, mare e spritz. Al Barcellona è cresciuto studiando Messi, probabilmente però erano in due classi diverse. (1’st Mkhitaryan 7: tutta un’altra musica. E centesima con la Roma con tanto di assist al volo per Shomurodov)

ABRAHAM 7 Si vede poco nel primop tempo, ma è decisivo sempre. Mette sulla testa di Kumbulla la palla del pareggio e manda spesso in verticale Felix. Poi segna un gol da sogno, da grande bomber. Esce tra gli applausi (41’st Zalewski sv)

MOURINHO. 6 Servono lo scossone a fine primo tempo e tre cambi. La sua Roma reagisce ma ancora non brilla

Ultimo aggiornamento: 21 Gennaio, 00:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA