Pagelle Milan. Ibra segna, prende due pali: un leader. Kjaer, un muro. Calha, gol pesante

Pagelle Milan. Ibra segna, prende due pali: un leader. Kjaer, un muro. Calha, gol pesante
di Luca Uccello
2 Minuti di Lettura
Domenica 21 Marzo 2021, 20:42 - Ultimo aggiornamento: 23:16

Fiorentina-Milan:le pagelle dei rossoneri

DONNARUMMA 5
Una serata no. La prima rete che prende è colpa sua, la seconda quasi perché resta a guardare. Poi ci sono anche i pali della porta ad aiutarlo.
DALOT 5
Non è il classico terzino, in mancanza d’altro bisogna accontentarsi.
KJAER 7
Due assist, uno volontario, l’altro sicuramente no. Ma se il Milan riparte il merito è anche suo.
TOMORI 6,5
Quando c’è da lottare lui non si tira mai indietro. Trenta milioni di riscatto non sono pochi, ma non prenderlo potrebbe essere un errore imperdonabile.
THEO HERNANDEZ 6
Pensa sempre più ad attaccare. Con la Fiorentina, per fortuna, non ci sono stati grossi problemi.
TONALI 5
Regia inesistente. Soffre come non mai l’intensità della squadra di Prandelli che non lo lascia mai respirare (13’ st Bennacer 6,5: entra con personalità, quella che non era ancora riuscito a dimostrare dall’inizio della sua avventura rossonera).
KESSIE 6
Questa volta fatica anche lui a dare il meglio di sé. 
SAELEMAEKERS 5
Non convince. Non come prima. Fatica a trovare la posizione, a essere davvero utile a Pioli. Sostituzione sacrosanta (13’ st Castillejo 6: come al solito tanto sacrificio in tutte e due le fasi di gioco).
CALHANOGLU 7
Tocca pochi palloni. Ma quei pochi sono davvero buoni: assist per Ibra e grandissimo gol. Un colpo da biliardo. Per il gioco delle statistiche: tre gol in quattro partite a Firenze. Non male davvero (45’ Meite ng).
BRAHIM DIAZ 6,5
Se avesse avuto il numero 9 sulle spalle poteva sembrare davvero Pippo Inzaghi. Gol di rapina (35’ st Krunic ng).
IBRAHIMOVIC 7
Mamma mia quanto è mancato Ibra al Milan. Gioca novanta minuti di grande intensità, forza e presenza. Parla, gioca, sigla l'1-0 e prende due pali.
PIOLI 7
Emergenza o no, Stefano Pioli continua a stupire. Il suo Milan ha forza e tanto carattere. E la doppia rimonta con i Viola lo dimostra. In classifica rimane da solo dietro l’Inter.

© RIPRODUZIONE RISERVATA