Ibra campione eterno, Rafael Leao ispirato, Tatarusanu? Un portiere... d'albergo

Lunedì 26 Ottobre 2020 di Luca Uccello

TATARUSANU 4

Prima uscita a farfalle e tante altre piccole incertezze. Conviene rinnovare a Gigio Donnarumma, accontentare lui e il suo agente, e augurarsi quanto prima in un tampone negativo…

 

CALABRIA 6,5

Spinge senza mai rischiare niente dietro, alle sue spalle.

 

KJAER 6

Sbaglia solo sulla rete di Kumbulla. Nel primo tempo prende un clamoroso palo. Sfortunato

 

ROMAGNOLI 5

Grave errore del capitano che fatica più del solito. Dzeko salta, lui sta a guardare.

 

THEO HERNANDEZ 6

Con Leao davanti a lui non può osare più di tanto. Peccato, il Milan ne avrebbe avuto tanto bisogno.

BENNACER 5

Non riesce a dettare i tempi, non ci riesce davvero mai. MaSul rigore non fa fallo, sembra che lo subisco. Il Var? Muto

KESSIE 6,5

Le prende (poche) e le dà (di più). Solita partita di grande sacrificio per tutti i novanta minuti con un quasi gol che nemmeno Mirante forse sa come è riuscita a salvarla

SAELEMAEKERS 6

Il gol cambia il voto, non il giudizio. Partita con tanta corsa ma anche con troppe imprecisioni (27’ st Krunic 6: ormai è una garanzia).

CALHANOGLU 6

La caviglia non fa più male, il piede è caldo ma Mirante è attento e gli prende tutto

RAFAEL LEAO 7

Serve un pallone d’oro su un vassoio d’argento a Ibrahimovic, poi un altro sui piedi di Saelmaekers. Fa solo quello però e Pioli lo toglie (27’ st Castillejo 6: entra di corsa e coraggio).

IBRAHIMOVIC 8

Kumbulla sbaglia, Mirante lo aiuta. Poi dagli undici metri non sbaglia. Terza doppietta in tre partite. Bisogna fargli un monumento a Milanello…

PIOLI 7

Fuga rinviata ma rimane l’imbattibilità. Il suo Milan continua a fare punti con grandi e piccoline. Un altro chiaro segnale delle capacità di questo tecnico nel saper gestire un gruppo giovane ma allo stesso tempo ambizioso. Lo scudetto? Perché no…

 

Ultimo aggiornamento: 23:20