Minacce all'arbitro: Insigne senior nella bufera, il suo club lo difende

Sabato 18 Gennaio 2020

Bufera su Antonio Insigne, 32 anni, fratello maggiore del capitano del Napoli. Capitano del Villa Literno, formazione casertana di Prima categoria, è stato squalificato per 4 giornate dal giudice sportivo del comitato campano della Figc per avere minacciato di morte l'arbitro della partita contro la Boys Caivanese.

In un post su Facebook il Villa Literno ha difeso il calciatore: «E' tutto falso e il  Il sodalizio sportivo presieduto da Giovanni Fontana ha già dato mandato ai propri rappresentati legali, avvocati Eduardo Chiacchio e Monica Fiorillo, di far luce su questa brutta storia. Antonio Insigne non deve passare per un carnefice, un delinquente dei campi di calcio. Non ha mai minacciato l'arbitro Onorato della sezione di Nola: aveva protestato, da capitano della squadra, per un gol ingiustamente annullato».

Ultimo aggiornamento: 09:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA