Mondiali in Qatar, sesso vietato per le coppie non sposate: si rischia fino a 7 anni di carcere

Il sesso fuori dal matrimonio equiparato e punito severamente come quello omosessuale. Senza contare che i Mondiali 2022 dovranno essere 'alcol-free'

Mondiali in Qatar, sesso vietato ai non sposati: si rischiano 7 anni di carcere. «Bloccate le prenotazioni con cognomi diversi»
Mondiali in Qatar, sesso vietato ai non sposati: si rischiano 7 anni di carcere. «Bloccate le prenotazioni con cognomi diversi»
3 Minuti di Lettura
Martedì 21 Giugno 2022, 14:02

Un incubo per i calciatori e, soprattutto, i tifosi che parteciperanno ai prossimi Mondiali di Qatar 2022. Le leggi islamiche sono rigidissime e vietano severamente, punendo allo stesso modo, sia l'omosessualità che il sesso al di fuori del matrimonio.

Leggi anche > Shakira e Piquè, l'indiscrezione clamorosa: «Nessun tradimento, erano una coppia aperta»

Sarà un Mondiale sicuramente diverso da tutti gli altri, e non solo perché si disputerà in inverno. Le leggi del Qatar, infatti, non solo vietano severamente il consumo di alcol, ma anche il sesso tra coppie non sposate. Addio, quindi, all'idea di fare sesso occasionale in preda ai fumi dell'alcol o all'euforia per una vittoria della propria nazionale. Il Daily Star riporta una fonte della polizia britannica, che sta collaborando attivamente con i colleghi qatarioti per gestire i tifosi in arrivo dal Regno Unito: «Il sesso sarà consentito solo ai tifosi sposati ufficialmente. Non ci saranno avventura di una notte in questa Coppa del Mondo».

Le sanzioni, poi, non sono certo morbide. Sia il sesso omosessuale che quello eterosessuale al di fuori del matrimonio è punito con una pena fino a sette anni di reclusione. La Fifa inizia ad essere seriamente preoccupata in vista di novembre, quando inizierà ufficialmente la competizione. Oltremanica, tra l'altro, alcune coppie di tifosi si sono viste bloccare la prenotazione in albergo non appena il sistema aveva notato cognomi diversi.

Resta da capire se il divieto riguarderà anche i calciatori protagonisti del Mondiale o se i ritiri delle nazionali saranno considerati delle 'zone franche'. Al di là delle leggi qatariote, si ripete sempre l'ennesimo caso che divide gli esperti, tra chi vorrebbe vietare il sesso prima delle partite e chi invece pensa che mogli e fidanzate in ritiro possano aiutare il morale dei calciatori. "Fortuna" che, anche in questa edizione, il problema non si pone per gli azzurri di Roberto Mancini...

© RIPRODUZIONE RISERVATA